Attualità
la replica

Rifiuti non raccolti alla Celadina, Aprica: «Colpa di un guasto all'apertura del cancello»

Una lettrice s'è lamentata di un fastidioso disservizio nella raccolta rifiuti, nonostante le segnalazioni inoltrate alla società

Rifiuti non raccolti alla Celadina, Aprica: «Colpa di un guasto all'apertura del cancello»
Attualità Bergamo, 11 Gennaio 2022 ore 17:51

«Cosa bisogna fare per non vivere con il cortile pieno di immondizia?». Se lo domandava una signora residente alla Celadina che, attraverso una lettera inviata alla nostra redazione, lamentava un fastidioso disservizio nella raccolta dei rifiuti. Nonostante le segnalazioni ad Aprica, da alcuni mesi gli addetti al servizio della raccolta differenziata parevano non transitare più nella piccola via in cui abita insieme al marito.

Oggi, martedì 11 gennaio, è arrivata la replica della società che gestisce la raccolta dei rifiuti in città, che scusandosi per i disagi, ha fatto sapere che «dalle verifiche condotte dai nostri tecnici, le segnalazioni dei mancati prelievi sono da ricondurre prevalentemente al malfunzionamento elettrico del temporizzatore di apertura del cancello, come confermato da alcuni condomini».

Di seguito la replica di Aprica:

In risposta alla lettera di una cittadina di Celadina, pubblicata il 7 gennaio scorso, pur non essendo indicato l’indirizzo, dagli approfondimenti effettuati, pare riconducibile ad un condominio che si trova in fondo ad un vicolo privato ed inserito in un contesto residenziale, dove i nostri automezzi di limitati ingombri accedono attraverso un carraio, chiuso con un cancello, condiviso con lo stabile adiacente.

Considerando gli spazi esigui a disposizione per il conferimento esterno al cancello, è da tempo in uso la prassi che la raccolta dei rifiuti di Aprica venga effettuata nella corte interna dove ogni condominio dispone di un proprio punto di conferimento.

Ciò premesso, dalle verifiche condotte dai nostri tecnici, le segnalazioni dei mancati prelievi nei mesi scorsi sono da ricondurre prevalentemente al malfunzionamento elettrico del temporizzatore di apertura del cancello, come confermato da alcuni condomini.

Al riguardo, oltre che a scusarci per i mancati riscontri dei mesi scorsi, stiamo ora cercando di contattare gli amministratori degli stabili per condividere le azioni da attuare al fine di risolvere definitivamente la situazione segnalata.