Attualità
chieste maggiori tutele

Sciopero nazionale della polizia locale il 15 gennaio: aderisce anche la segreteria di Bergamo

Alla base il rinnovo della legge di riforma del settore e la richiesta di un’equiparazione previdenziale e assistenziale alle altre forze di polizia

Sciopero nazionale della polizia locale il 15 gennaio: aderisce anche la segreteria di Bergamo
Attualità Bergamo, 11 Gennaio 2022 ore 18:11

Anche la segreteria provinciale di Bergamo aderirà allo sciopero nazionale proclamato per l’intera giornata di sabato 15 gennaio dal Sulpl, il sindacato unitario dei lavoratori di polizia locale. Alla base dello stato d’agitazione vi sono l'annosa questione riferita al rinnovo della legge di riforma del settore, attesa da più di vent'anni, e la richiesta di un’equiparazione previdenziale e assistenziale rispetto alle altre forze di polizia.

«Nelle ultime settimane la commissione parlamentare incaricata, composta da deputati e da funzionari ministeriali, ha pubblicato una proposta di testo unificato che secondo l'analisi del nostro sindacato non regolamenta correttamente le molteplici funzioni già svolte dalla polizia locale – si legge in un comunicato stampa che spiega i motivi dello sciopero -. Anzi, per numerosi aspetti le potrebbe stravolgere in modo controproducente, creando confusione e dubbi interpretativi. Ci auspichiamo che il testo venga corretto prima della presentazione alle camere».

Nella nota, il Sulpl sottolinea come gli operatori eseguano numerosi servizi di natura giudiziaria, di sicurezza urbana e di controllo stradale, mettendo a rischio in alcuni casi la propria incolumità. «Non si può pretendere che la polizia locale oggi possa continuare a svolgere i propri compiti con una legge di ordinamento risalente al 1986 – continua il comunicato -. La società si è evoluta ed è arrivato il momento di riordinare il settore. Chiediamo al Governo di aggiornare gli "strumenti giuridici" necessari per lavorare meglio, con l'obbiettivo di fornire un servizio migliore sul territorio».

Il timore è che un’eventuale legge incompleta possa ledere la dignità professionale degli agenti. «Questa segreteria – conclude la nota - sarà al fianco dei lavoratori che aderiranno allo sciopero in tutto territorio nazionale, con la conseguente astensione dal servizio durante la giornata. L'iniziativa è stata preventivamente comunicata alla commissione garanzia sciopero. La norma prevede comunque la presenza in servizio per garantire i servizi minimi essenziali».