Attualità
Ci riprova

Simone Moro tenta nuovamente (per la quinta volta) la scalata invernale al Manaslu

Le precedenti spedizioni dell'alpinista bergamasco erano fallite a causa del meteo avverso e della grande quantità di neve

Simone Moro tenta nuovamente (per la quinta volta) la scalata invernale al Manaslu
Attualità Bergamo, 07 Dicembre 2022 ore 16:48

Simone Moro ci riprova. Per la quinta volta nella sua carriera, lo scalatore bergamasco cercherà di conquistare un Manaslu in veste invernale: il rilievo, situato in Nepal Centrale, con i suoi 8.163 metri di quota è uno dei più alti al mondo. E lo farà insieme ad Alex Txicon, collega spagnolo che lo ha accompagnati anche durante ultimi due tentativi.

La partenza alla volta di Kathmandu è fissata per il 16 dicembre. Prima della scalata vera e propria, i due alpinisti faranno "riscaldamento" con i 6.119 metri del Lobuche Peak. Poi, in base alle condizioni meteorologiche, si capirà se avvicinarsi alle pendici del Manaslu a bordo di un elicottero oppure in jeep e trekking. Si comincerà, successivamente, ad attrezzare la parete dopo il 21 dicembre.

La spedizione dello scorso anno

Il primo tentativo di Moro risale all'inverno a cavallo tra il 2015 e il 2016, insieme all'alpinista Tamara Lunger. Poi ci ha riprovato nel 2018-2019 con Pemba Geljie Sherpa (nepalese) e nel 2020-2021 con gli spagnoli Alex Txicon e Iñaki Alvarez. L'ultima volta è stata lo scorso inverno, accompagnato sempre da Txicon e da altri due alpinisti, il nepalese Abiral Rai e il pakistano Sajid Alì Sadpara. Le condizioni meteo poco favorevoli e la grande quantità di neve furono la causa delle spedizioni fallite.

Nonostante ciò, il bergamasco si sente motivato per questa nuova spedizione. «Grazie anche a una salute generosa e a un'ottima forma fisica», ha sottolineato in un'intervista rilasciata per L'Eco di Bergamo. Con l'auspicio che questa nuova scalata possa entrare a far parte della "rosa" di invernali già portati a casa dal 2005 a oggi: il Shisha Pangma, il Makalu (2009), il GII (2011) e il Nanga Parbat, nel 2016.

Seguici sui nostri canali