Attualità
Le prime immagini

Sono tornati I Maestri del Paesaggio: ecco com'è Piazza Vecchia verde 2021

Inaugurata oggi l'undicesima edizione del Landscape Festival. A "disegnare" il cuore di Città Alta è stato il paesaggista Nigel Dunnet

Sono tornati I Maestri del Paesaggio: ecco com'è Piazza Vecchia verde 2021
Attualità Bergamo, 09 Settembre 2021 ore 15:15

di Wainer Preda

Foto di rito, applausi, ma soprattutto la curiosità di vedere Piazza Vecchia trasformata in un giardino da un fuoriclasse mondiale. Sono questi gli ingredienti dell’inaugurazione del Landascape Festival - I Maestri del Paesaggio, avvenuta questa mattina (9 settembre) in Città Alta. L’undicesima edizione della rassegna organizzata da Arketipos si caratterizza come la più internazionale di  sempre grazie alla partecipazione di Nigel Dunnet, celebre paesaggista britannico che ha firmato mirabili allestimenti in tutto il mondo.

DSC_0003 (1)
Foto 1 di 17
DSC_0004 (1)
Foto 2 di 17
DSC_0006 (1)
Foto 3 di 17
DSC_0010 (1)
Foto 4 di 17
DSC_0011 (1)
Foto 5 di 17
DSC_0014 (1)
Foto 6 di 17
DSC_0019 (1)
Foto 7 di 17
DSC_0020 (1)
Foto 8 di 17
DSC_0021 (1)
Foto 9 di 17
DSC_0028 (1)
Foto 10 di 17
DSC_0032 (1)
Foto 11 di 17
DSC_0074 (1)
Foto 12 di 17
DSC_0075
Foto 13 di 17
DSC_0033 (1)
Foto 14 di 17
DSC_0043 (1)
Foto 15 di 17
DSC_0046 (1)
Foto 16 di 17
DSC_0050 (1)
Foto 17 di 17

È stato lui a progettare la “Green Square” di Piazza Vecchia, curando una a una le quindicimila piante presenti. Il risultato è uno spazio sobrio, estremamente gradevole, ampio e rilassante. Molto naturale, come d’altronde predilige l’autore. «È proprio questo il concept che sta dietro l’allestimento - ha spiegato -. Non si tratta di un giardino bensì di un’opera d’arte per la sua capacità di trasmettere emozioni e serenità».

Nella piazza dominano il verde e le tinte pastello, morbide e sinuose, punteggiate di giallo e di viola. Un progetto «joyfing, immersive, happy, uplifting and inspiring», lo ha definito Dunnet. I contenuti sono anche raccontati in una mostra dedicata all’artista, all’ex Ateneo di Bergamo Alta. Si tratta di uno dei tantissimi eventi collaterali organizzati per la rassegna che prosegue fino al 26 settembre prossimo (sul sito l’elenco completo degli eventi collegati).

All’inaugurazione di questa mattina c’erano anche il sindaco Giorgio Gori, il presidente di Arketipos e organizzatore della kermesse Vittorio Rodeschini, l’assessore regionale Claudia Maria Terzi, il segretario della Camera di Commercio Maria Paola Esposito, Paola Brembilla Pievani della Fondazione Cariplo e l’ad di Uniacque Pierangelo Bertocchi. Il festival ha un sottotitolo emblematico: «Dalla Natura alla Natura. Viaggio nella città del futuro», che nella concezione di Dunnet dovrà mescolare ecologia, funzionalità e bellezza.

«Bello, piacevole, uno spettacolo per gli occhi»: così il sindaco ha definito l’allestimento di Piazza Vecchia. «Espressione di una cultura del paesaggio intenta a migliorare la qualità della vita dei cittadini. Il festival del Landscape - ha aggiunto Gori - è una specie di fiore che sboccia in Città Alta ogni settembre. Ma il nostro obiettivo è far sì che qualcosa rimanga anche dopo, che resti un segno per la città. Per questo con Nigel Dunnet rivedremo gli spazi verdi e le aiuole di via Torquato Tasso. Ma con il paesaggista inglese stiamo lavorando anche a un progetto più grosso». Top secret, per il momento.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter