Taglio del nastro

Tempi più stretti, voli più puntuali e meno emissioni: nuova taxiway all'aeroporto di Orio

È stata inaugurata oggi (27 giugno). Si tratta di un prolungamento di quella preesistente nell’area nord parallela alla pista di volo, per una lunghezza di circa 1,6 km

Tempi più stretti, voli più puntuali e meno emissioni: nuova taxiway all'aeroporto di Orio
Pubblicato:

di Clara Scarpellini

Con il nastro teso e le forbici in mano, all'aeroporto di Orio al Serio oggi (giovedì 27 giugno) il presidente di Sacbo, Giovanni Sanga, ha inaugurato ufficialmente la nuova via di rullaggio realizzata nell’area nord del sedime aeroportuale di Bergamo. Con più di trentacinque milioni di euro investiti, per l’azienda si è trattato di un intervento estremamente importante, sia sul piano tecnico che finanziario.

La realizzazione di questo progetto ha richiesto, oltre che a ingenti investimenti, la collaborazione di diversi enti ed amministrazioni. Alla giornata di inaugurazione, infatti, hanno presenziato anche Claudia Terzi, assessore regionale alle Infrastrutture e Opere pubbliche; Francesco Mistrini, ingegnere responsabile del progetto; Manuel Bentoglio e Gabriele Cortesi, sindaci rispettivamente di Grassobbio e Seriate.

La nuova taxiway

La taxiway B è sostanzialmente una nuova pista di rullaggio, realizzata attraverso il prolungamento di quella preesistente nell’area nord del sedime aeroportuale, parallela alla pista di volo, per una lunghezza aggiuntiva di circa 1.600 metri. Ciò consentirà agli aerei in sosta nel piazzale nord di raggiungere il punto di decollo sulla testata 28 (a est) grazie a due nuovi raccordi. È stato inoltre stimato che tale procedura garantirà su base annua il risparmio di duecentosettanta ore di tempo di rullaggio e la riduzione di un migliaio di tonnellate di CO2. Tutto ciò, si rifletterà positivamente sulla puntualità dei voli, sia in partenza che in arrivo.

Tutti gli interventi sono stati realizzati in collaborazione con Enav (Ente Nazionale Assistenza Volo), al fine di ottimizzare la gestione operativa dello scalo. A tal proposito, infatti, va ricordato che dal 2020 l’aeroporto di Bergamo ha adottato l’Airport Collaborative Decision Making, una procedura operativa volta a migliorare la gestione del traffico aereo e della capacità aeroportuale, riducendo i ritardi e ottimizzando l’utilizzo delle risorse.

912842E2-18E6-4BB9-AA67-2AED4AF03ECA
Foto 1 di 3
7969BF86-52CF-4173-96A2-1316418836BF
Foto 2 di 3
BE0B32A7-71F9-4738-89DE-73999E0F44B2
Foto 3 di 3

Novità in cielo e a terra

I lavori di realizzazione della nuova taxiway, eseguiti da un’Ati (Associazione Temporanea di Imprese) a guida Artifoni, non si sono limitati alla sistemazione del piazzale aeromobili nord e alla creazione di una piazzola dedicata alla prova motori per aeromobili fino a classe E, dotata di barriere frangiflusso. Hanno anche comportato una serie di interventi migliorativi di sistemi e reti di assistenza alle operazioni a terra, tutti dotati di impiantistica luminosa con tecnologia led. Inoltre, sulla via di rullaggio è stato realizzato un impianto di distribuzione elettrica a bassa tensione, primo esempio in assoluto negli aeroporti italiani, che permette un risparmio energetico rispetto a un impianto standard di oltre l'80 per cento in termini di consumi. Questo sistema offre anche maggior sicurezza delle operazioni di manutenzione, date le bassissime tensioni in campo.

«Questo nuovo intervento, migliorativo sotto l’aspetto infrastrutturale e operativo, dimostra come lo sviluppo dell’aeroporto persegua costantemente l’obiettivo della sostenibilità, da raggiungere attraverso strumenti e soluzioni innovativi tali da creare le condizioni di maggiore efficienza a beneficio dell’ambiente e del contesto territoriale», ha sottolineato Sanga.

Commenti
Henry Hickerson

Soliti commenti da bar... perché chi ha comprato casa a Colognola o Azzano S. Paolo non ammette d'aver sbagliato previsioni? Han pagato una "cicca" le case intorno quando c'erano 3 o 4 voli al giorno ad Orio e i permessi edilizi venivano dati senza batter ciglio. L'aeroporto già c'era! Solito egoistico e ideologico pensiero: "Not in my backyard!!" Last but not least, almeno si scriva correttamente AEROPORTO! Non sapevo Bergamo avesse 3 aeroporti... ha ha ha

Angelo

Ormai il povero aereoporto di Bergamo Orio al Serio ha raggiunto i suoi limiti, anzi direi superati. Bisogna avere il coraggio di ammetterlo e abbandonare la location per una con più ampi spazi, eliminando i 3 aereoporti di Bergamo e portandoli in campagna, 10 km di spostamento non sono nulla, ma per la popolazione sono la vita tranquilla e serena

Giovanni

È proprio vero che non c'è limite alla vergogna. Parlano di minore inquinamento ambientale. Che vengano nei quartieri di colognola e campagnola così si rendono conto delle calzature enormi che sparano...

Roberto

E quando verrà migliorata la via di accesso all'aereoporto?? non ci può essere un'unica via per arrivarci, si è sempre in coda..grazie anche a chi occupa parte della corsia in attesa per non pagare il parcheggio (come alla rotonda vicino al parcheggio P3).

gianluigi

Sostenibilità di che cosa, per chi????????? Quale sostenibilità??? Aerei che decollano a tutte le ore della notte e del giorno. Inquinamento alle stelle, sia acustico che atmosferico, sicurezza ZERO, e parlano di sostenibilità. SMETTETELAAAAA SOSTENIBILITA' per le loro saccocce, sempre più piene di denaro. Intanto, il popolo bue, SUBISCE. Si SUBISCE le angherie, di questi personaggi, ( e non utilizzo un altro termine )che dall'alto del loro potere, calpestano, TUTTO e TUTTI. Vergognateviii

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali