Acquistare un’auto usata: consigli per evitare le brutte sorprese

Acquistare un’auto usata: consigli per evitare le brutte sorprese
27 Agosto 2019 ore 09:01

Acquistare un’auto di seconda mano è sicuramente conveniente dal punto di vista del prezzo, ma potrebbe rivelarsi anche pericoloso. Non possiamo sapere se il veicolo abbia qualche difetto di fabbrica o se sia stato utilizzato nel modo corretto dal precedente proprietario, quindi un margine di rischio c’è sempre. Questo però non significa che acquistare un’auto di seconda mano sia un’opzione da scartare: con qualche attenzione in più possiamo tutelarci ed evitare di prendere le classiche fregature. Oggi vi diamo alcuni consigli per rischiare il meno possibile e fare un acquisto sicuro, anche nel mercato dell’usato.

#1 Informarsi sui modelli migliori di auto usate

Il primo passo da fare per evitare di trovarsi a gestire brutte sorprese è informarsi e capire quali siano i migliori modelli di auto usate. Ci sono infatti case automobilistiche che da questo punto di vista sono decisamente più affidabili di altre e tra queste troviamo la Fiat, la Ford, la Volkswagen, la BMW e l’Audi. Acquistare una Focus usata è quindi molto meno rischioso che optare per una Citroen, perché bisogna sempre considerare la qualità dei materiali e dei vari componenti tra cui il motore.

#2 Rivolgersi a un concessionario

Se vogliamo un’auto di seconda mano abbiamo sempre due alternative: possiamo acquistarla direttamente da un privato oppure rivolgerci a un concessionario. La prima opzione è naturalmente la più rischiosa, perché non ci vengono date garanzie e non possiamo sapere quale sia la storia del veicolo. Capita spesso che le persone decidano di vendere la propria auto perché non sono soddisfatte o peggio ancora perché ha dei difetti di fabbrica e in tal caso se concludiamo l’acquisto ci rendiamo conto della fregatura presa quando è ormai troppo tardi. Per evitare rischi, conviene sempre rivolgersi a una concessionaria che sia in grado di offrirci delle garanzie.

#3 Verificare la storia del veicolo

Non tutti lo sanno, ma i professionisti del settore come i meccanici sono in grado di verificare la storia di un veicolo inserendo in un software alcuni semplicissimi dati come il numero di targa. Così facendo, hanno la possibilità di controllare che sia tutto in regola e che non ci siano difetti di fabbrica che ne abbasserebbero il valore. Se quindi avete un meccanico di fiducia, provate a chiedere di effettuare qualche verifica sul veicolo che state considerando: potrete correre meno rischi e stare più tranquilli.

#4 Un diesel dura più di un benzina

Siete indecisi tra un’auto usata diesel e una benzina? Allora dovete sapere che se il chilometraggio è già piuttosto elevato vale sempre la pena rimanere sulla prima opzione, perché un benzina ha una durata media inferiore. In sostanza, i veicoli diesel sono generalmente in grado di macinare distanze maggiori, quindi se acquistati di seconda mano possono essere ancora molto validi nonostante il chilometraggio. Lo stesso non si può dire dei benzina, perché il motore rischia di usurarsi più velocemente. È però naturale che tutto dipende anche dall’utilizzo che è stato fatto del veicolo in passato ed è per questo che vale sempre la pena informarsi bene prima dell’acquisto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia