numeri impietosi

A Torre Boldone sono 50 i morti in 18 giorni. Il vicesindaco Claudio Sessa ricoverato

Il sindaco: «La media normalmente è di circa 10 deceduti al mese. Tra questi Clemente Fè, storico ottico del paese, e il Signor Lecchi, riferimento del centro anziani e dell’associazione San Martino, presenza fissa nella segreteria comunale»

A Torre Boldone sono 50 i morti in 18 giorni. Il vicesindaco Claudio Sessa ricoverato
Val Seriana, 19 Marzo 2020 ore 10:28

di Angelo Corna

Anche a Torre Boldone i numeri di questi giorni sono spaventosi. Il virus ha intaccato persino la scorza dura di uno come Claudio Sessa. A riferirlo è il sindaco. «Sono venute a mancare 50 persone in 18 giorni, quando la media nel nostro paese è di circa 10 deceduti al mese – afferma Luca Macario -. Tra questi Clemente Fè, storico ottico del paese, e il “Signor Lecchi”, riferimento del centro anziani e dell’associazione San Martino, presenza fissa nella segreteria comunale, che con il suo modo insistente, ma educato, aveva sempre qualcosa da riferire sul nostro operato… Mi mancheranno i suoi consigli e le sue raccomandazioni!».

«Chiedo a tutti i cittadini di aiutarmi a spiegare ai più anziani che se anche non giocano al lotto per qualche settimana, se non escono a dar da mangiare agli uccellini per qualche giorno, se evitano di passeggiare indisturbati nelle vie del paese è un bene per loro e per tutti. La stessa raccomandazione la faccio ai più giovani. Ci sono ancora tante persone che sono positive, tante quelle in quarantena e fortunatamente iniziamo a vedere anche i primi guariti dall’infezione. Siamo ancora in una fase di crescita del contagio, quindi ora è veramente il momento di essere ancora più rispettosi delle regole, di essere tutti più responsabili, di limitare i contatti – conclude il primo cittadino -. Un ultimo pensiero va al nostro vicesindaco Claudio Sessa, che nella serata di mercoledì 18 marzo è stato ricoverato, e che vogliamo al più presto in salute tra noi».

Per saperne di più, leggete il numero di PrimaBergamo in edicola da venerdì 20 marzo. 

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia