Un pari prezioso per la salvezza

Acrobazie per salvarsi

Acrobazie per salvarsi
30 Aprile 2015 ore 13:15

Un angelo. Un uomo con il 51 sulle spalle che si alza in volo, prende per mano i nerazzurri e li accompagna nella morbida tranquillità della salvezza. Lui è Mauricio Pinilla, a Cesena segna due reti di cui una in rovesciata di bellezza totale e permette a Reja di salvarsi nel finale: il 2-2 strappato al Manuzzi è probabilmente decisivo per le sorti della stagione con le due dirette inseguitrici a 8 punti di distanza che valgono 9 considerando gli scontri diretti.

Troppe emozioni. In Romagna i nerazzurri vivono tantissime emozioni. Prima la gioia del vantaggio, poi l’incubo della sconfitta e poi la gioia del pareggio. Tutto nei secondi 45 minuti più recupero, tutto per un punto di platino che certifica e cristallizza la classifica tranquilla di Bellini e compagni. Un paio di sorprese nell’undici titolare scelto da Edy Reja. In difesa al centro gioca Benalouane vicino a Masiello, Stendardo siede in panchina al pari di Biava mentre sulle fasce ci sono Bellini e Dramè. La linea di centrocampo è composta da Zappacosta (preferito a D’Alessandro), Cigarini, Carmona e Papu Gomez mentre in attacco il compito di superare Agliardi è affidato a Maxi Moralez e Pinilla.

12 foto Sfoglia la gallery

Fronte Cesena. Di Carlo rilancia dal primo minuto l’ex atalantino Daniele Capelli, Lucchini è recuperato ma siede in panchina. In avanti Defrel e Succi sono le bocche da fuoco, Franco Brienza si muove allo loro spalle con Carbonero, Mudingayi e Cascione a comporre la linea da tre di centrocampo. Clima perfetto al Manuzzi, stadio senza barriere e vista perfetta da ogni settore: i bergamaschi presenti nel settore ospiti sono 239. In tribuna (box 5) anche German Denis: fresco di squalifica, il centravanti argentino ha voluto comunque essere al fianco dei suoi compagni.

Parte bene la Dea. Chi si aspettava un Cesena arrembante fin dai primi minuti resta subito deluso, l’Atalanta inizia la gara con buonissimo piglio e le prime occasioni sono tutte di marca orobica. Cigarini (scintillante il suo primo tempo) apre alla grande sulla sinistra per Gomez (5’), il “Papu” taglia il campo e sorprende Perico arrivando solo davanti ad Agliardi: l’esterno bergamasco riesce a recuperare e il suo tocco è decisivo per evitare il gol dello 0-1. Al 7’ Maxi Moralez scarica un destro debole da fuori area, al 13esimo Zappacosta mette al centro un bel pallone rasoterra per Maxi Moralez ma il destro a colpo sicuro viene rimpallato da Kranjc: il replay mostra come la sfera sia intercettata con la spalle e quindi non c’è calcio di rigore. La gara sfila via senza grossi sussulti, il Cesena non riesce ad alzare il ritmo con continuità e il primo tiro dalle parti di Sportiello si vede al 19esimo. Succi spara un destro di esterno da distanza ragguardevole, il numero 57 in maglia verde si tuffa e mette in angolo con la sfera che sembrava destinata comunque sul fondo.

Lotta a centrocampo. Cigarini e Carmona sono in pieno controllo del centrocampo nonostante l’inferiorità numerica. Al 35esimo il lancio del numero 21 emiliano per Pinilla viene rifinito dal cileno con il tacco per Moralez ma un tocco di Mudingayi manda per terra il folletto numero 11: la punizione di Carmona si spegne alta. Gli ultimi minuti del primo tempo sono caratterizzati dai due gialli per Mudingay e Carbonero. In pieno recupero il numero 7 del Cesena scarica un destro secco da fuori area ma Sportiello fa buona guardia.

8 foto Sfoglia la gallery

Ripresa sussultante. Nel secondo tempo succede un po’ di tutto: al 48esimo un cross basso di Moralez trova Gomez pronto alla deviazione da due passi con Agliardi che dice di no. La Dea è in un bel momento e infatti sblocca: Cigarini spara in mezzo un pallone molto interessante, Capelli di testa trova l’anticipo ma Agliardi la combina grossa. La palla arriva a Pinilla, che da due passi batte a rete segnando lo 0-1.

Rigore di Brienza. L’Atalanta sembra in controllo del match, al 53esimo Gomez cerca il raddoppio con un bel destro bloccato a terra ma un lampo riporta il Cesena in partita: Benalouane (55esimo) commette fallo su Brienza, e lo stesso ex nerazzurro segna con freddezza ridando fiato al pubblico di casa. I romagnoli ci credono, anche se al 64esimo la Dea sfiora il vantaggio con una punizione di Cigarini.

Carbonero, grande gol. Poi però la gara cambia ancora. Giorgi, appena entrato, apre un bel pallone per Carbonero (70esimo). Il giocatore colombiano Dramè e si inventa una palombella che supera Sportiello e manda all’inferno i nerazzurri in pochi istanti. La formazione nerazzurra sembra in difficoltà, Dramè mette al centro un pallone velenoso per Moralez che in spaccata manda sul fondo (76esimo) ma l’azione che decide il 2-2 arriva all’81esimo ed è ancora una volta protagonista Mauricio Pinilla. L’attaccante cileno segna in rovesciata la sua ottava rete stagionale, il gol è semplicemente favoloso e manda in estasi il pubblico ospite.

Che errori alla fine. Nel finale il Cesena ha ancora due occasioni per il 3-2, Perico (84esimo) fallisce da meno di un metro la deviazione vincente e un minuto più tardi è Defrel (85esimo) a spaventare tutti con un cross basso che Rodriguez mette sul fondo. In pieno recupero Rolando Bianchi divora il 3-2 (94esimo) attirandosi le ire di Reja (Benalouane era solo davanti ad Agliardi). Dopo un recupero infinito il triplice fischio di Rizzoli spegne le preoccupazioni atalantine. Il vantaggio sulla zona rossa sale a 8 punti (che valgono 9 per gli scontri diretti sia nei confronti del Cesena che del Cagliari), la pratica sembra ormai chiusa e adesso manca solo la matematica.

Cesena – Atalanta 2-2

Reti: 50’ e 81’ Pinilla (A), 55’ Rig. Brienza(C), 70’ Carbonero (C)

Cesena (4-3-1-2): Agliardi; Perico, Capelli, Kranjic, Renzetti; Carbonero (79’ Volta), Mudingayi, Cascione (67’ Giorgi); Brienza; Defrel, Succi (59’ Rodriguez). All. Di Carlo.

Atalanta (4-4-1-1): Sportiello; Bellini, Benalouane, Masiello, Dramè; Zappacosta (65’ D’Alessandro), Cigarini (78’ Migliaccio), Carmona, Gomez; Moralez; Pinilla. All. Reja.

Ammonito: Mudingayi (C), Carbonero (C), Benalouane (A), Capelli(C), Perico (C), Migliaccio (A), Carmona (A), Pinilla (A)

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia