L'Atalanta perde per 1-2

Alla fine Gasp non perde il sorriso «Partita storta. Ma quel gol preso…»

Alla fine Gasp non perde il sorriso «Partita storta. Ma quel gol preso…»
02 Gennaio 2018 ore 05:30

Nonostante la sconfitta, è un Gasperini sorridente: «Abbiamo fatto un po’ una frittata – esordisce il tecnico di Grugliasco -. Abbiamo regalato due gol. Sul primo Pavoletti è saltato troppo solo ed è molto strano perché non è nostra abitudine lasciare uomini liberi. Poi è arrivato il secondo gol che ci ha complicato le cose. Abbiamo reagito, creato tante occasioni, ma non è bastato. Ricorda un po’ la partita contro l’Udinese dello scorso anno. Siamo delusi, ma dobbiamo trovare subito le forze per riscattarci». Soprattutto, si è vista un’Atalanta poco lucida sotto porta: «Si è creata un po’ di apprensione – prosegue Gasperini -. Quando prendi due gol poi arriva un po’ di frenesia. Ci siamo anche sbilanciati, abbiamo messo il massimo sotto l’aspetto offensivo e abbiamo gestito bene le loro ripartenze. Difficile dire perché non fai gol quando sei in due contro al portiere: devi accettare le situazioni e basta. È una sfida che deve far riflettere ma non è sintomo di difficoltà».

Sono mancati soprattutto i cross degli esterni: «Esterni o non esterni, le opportunità le abbiamo create – smorza le critiche l’allenatore nerazzurro -. Giocavamo più con gli attaccanti e gli inserimenti dei centrocampisti. Papu straordinario nelle iniziative, ma poco lucido sotto porta». Tornando sulle due reti subite, Gasperini fatica a digerire soprattutto quella di Pavoletti: «In occasione della prima rete subita, in quelle situazioni noi difendiamo a zona e non abbiamo coperto il buco. Mi dà molto fastidio che Pavoletti abbia saltato indisturbato. Il secondo è stato ancora peggio perché da una palla nostra non può nascere una ripartenza simile». Ma la pecca maggiore è il fatto di aver creato tante occasioni e non averle capitalizzate: «Noi siamo andati con tanti uomini, ma non siamo riusciti a concretizzare. Quando trovi una squadra che sta bassa fai più fatica e c’è il rischio che si creino queste situazioni. Nel secondo tempo, pur in difficoltà, abbiamo sbagliato pochissimo, mentre nel primo, in situazioni di minor difficoltà, ci hanno infilato nelle prime due volte in cui hanno superato la metà campo. È un peccato perché ho avuto l’impressione che stessimo molto bene anche fisicamente».

Nell’intervallo, Gasperini ha giocato la carta Cornelius per Petagna: «Andrea ha preso un colpo e ora lo dobbiamo valutare. Cornelius poteva darci qualcosa in più con la sua presenza, ma entrambi hanno fornito buone prestazioni. Gollini? Aveva fatto bene quando è stato impiegato e pensavo di farlo giocare, così come Mancini, e ho voluto dare un turno di riposo a Caldara che finora le ha giocate tutte e non sempre riesce a recuperare in tempi brevi».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia