La scoperta

Due anziane in una villetta a Romano con una trentina di gatti: interviene la polizia locale

Gli agenti hanno faticato a entrare nell'abitazione per il forte odore dovuto agli escrementi. Adesso l'ambiente è stato ripulito e 22 felini sono stati trasferiti

Due anziane in una villetta a Romano con una trentina di gatti: interviene la polizia locale
Pubblicato:
Aggiornato:

Foto d'archivio

Gli agenti hanno fatto fatica a entrare nella casa durante il controllo, tant'era forte l'odore di urina ed escrementi di gatti. In una villetta di Romano, dove vivevano due donne anziane, erano infatti tenuti una trentina di felini, una situazione igienicamente insostenibile che ha comportato l'adozione di alcuni di loro. A riportare la vicenda è PrimaTreviglio.

Una situazione che si è risolta fortunatamente bene per gli animali che, nelle settimane scorse, sono stati affidati alle cure delle associazioni del territorio.

Il controllo dopo una segnalazione

Tutto è iniziato con la segnalazione arrivata al Comando, che denunciava condizioni igienico sanitarie precarie all’interno di una villetta in città. Gli agenti hanno così compiuto un sopralluogo nell'abitazione e, al loro arrivo, hanno trovato una situazione allarmante.

A malapena sono riusciti ad entrare nella casa, considerato il forte odore delle deiezioni nelle lettiere, sparse in ogni angolo della casa, constatando che con le signore stavano una trentina di gatti.

Gatti dati in affidamento e casa ripulita

Sono stati trovati in buone condizioni di salute, ma chiaramente il sovraffollamento della casa, col passare del tempo, li avrebbe resi ingestibili. Dopo gli accertamenti, gli agenti hanno deciso di procedere con l'affidamento dei felini ad associazioni del territorio.

Sul totale degli esemplari, 22 hanno cambiato casa e ora le due anziane convivono con otto. Inoltre, la polizia locale ha attivato i servizi sociali, per procedere con la pulizia e l'igienizzazione della casa. Al successivo controllo, la situazione riscontrata non ha evidenziato condizioni carenti.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali