la delibera di giunta

Approvato il piano per la sistemazione del verde scolastico in sei quartieri di Bergamo

Il progetto, del valore di 600mila euro, comprende una serie mirata di interventi per la sistemazione degli spazi naturali

Approvato il piano per la sistemazione del verde scolastico in sei quartieri di Bergamo
Bergamo, 30 Luglio 2020 ore 17:54

Via libera dalla Giunta alla sistemazione del verde in sei istituti scolastici di Bergamo: la scuola dell’infanzia Papa Giovanni XXIII, a Monterosso; la scuola dell’infanzia alla Celadina; la scuola dell’infanzia Bellini, a Longuelo; l’asilo nido al Villaggio degli Sposi; la scuola primaria Savio e quella dell’infanzia Dasso a Boccaleone; e, infine, le scuole dell’infanzia e primaria Locatelli, nel centro di Bergamo.

Il progetto, del valore di 600mila euro, comprende una serie mirata di interventi per la sistemazione degli spazi naturali, che verranno attuati nei prossimi mesi. «Le scuole della città dispongono di un patrimonio naturale e arboreo notevole, pari a circa 140mila metri quadrati – spiega l’Assessore al verde Marzia Marchesi –. Un’area enorme, la cui estensione dimostra l’importanza di dotarsi di un piano annuale di sistemazione e di riqualificazione».

«Inoltre – aggiunge – gli spazi verdi delle scuole richiedono un’attenzione maggiore, visto che la loro utenza è costituita quasi esclusivamente da bambini, alcuni dei quali molto piccoli; va da sé la necessità di mantenere un ambiente sicuro e protetto. A maggior ragione se si considera il particolare momento storico che stiamo vivendo. In futuro gli spazi esterni agli istituti potrebbero essere utili anche per lo svolgimento dell’attività didattica».

I lavori previsti sono numerosi e di varia natura. Si va dalla piantumazione di nuovi alberi e di un frutteto al rifacimento di cortili, dall’installazione di nuovi giochi alla predisposizione di orti, dalla manutenzione dei prati alla sistemazione di camminamenti e cancelli.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia