Iniziativa di sensibilizzazione

Aribi lancia la “multa simbolica” per chi invade gli spazi dedicati a ciclisti e pedoni

Si tratta di una sanzione morale che si potrà dare alle persone incivili e maleducate. Il modulo, scaricabile online, lo si può apporre sui veicoli in sosta selvaggia

Aribi lancia la “multa simbolica” per chi invade gli spazi dedicati a ciclisti e pedoni
Bergamo, 20 Ottobre 2020 ore 12:41

Gli automobilisti che parcheggiano sulle corsie ciclabili, ma anche i privati cittadini o le attività commerciali che lasciano i bidoni della spazzatura il giorno del ritiro sugli spazi dedicati ai ciclisti da oggi rischiano la “sanzione morale”. Una specie di multa simbolica, che pedoni e ciclisti potranno dare alle persone incivili e maleducate. Si tratta dell’ultima iniziativa promossa da Aribi, l’associazione per il rilancio della bicicletta, nel tentativo di sensibilizzare a buone pratiche che non mettano in pericolo ciclisti e pedoni, costretti spesso a transitare in spazi che li espongono ai pericoli della strada.

«Abbiamo pensato che possiamo fare sentire la nostra voce ma senza urlare – sottolinea l’associazione -. Da troppo tempo riceviamo fotografie di chi inopportunamente invade le nostre corsie o i marciapiedi, chi sosta ignorando che noi lì passiamo in sicurezza, chi vi parcheggia i bidoni della spazzatura nei giorni del ritiro… Insomma chi forse per distrazione, forse per furberia, forse per ignoranza, invade i nostri spazi. Ecco dunque la nostra “sanzione morale”, quella forse più “pungente” se compresa, quella forse che in questo momento, aiuta a comprendere che ci dobbiamo tutti rispettare».

Sul sito di Aribi sarà possibile scaricare e stampare il modulo della multa, che potrà essere portata sempre con sé per apporla sui mezzi parcheggiati in modo spesso troppo creativo. Copie delle multe saranno anche a disposizione per il ritiro nella sede dell’associazione nei giorni di apertura. «Sarà una forma di sensibilizzazione silenziosa ma, a detta nostra, efficace – conclude Aribi -. Se poi volete scattare una foto, facendo attenzione a non riprendere mai la targa, potete inviarcela attraverso i social. Insomma, cominciamo a dare le nostre multe ma facciamo anche noi attenzione a non meritarle perchè per primi dobbiamo rispettare il codice della strada. Il rispetto sta bene su tutto. Usiamolo tutti».

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia