Menu
Cerca
Molto noto nella Bassa

Arrestato a Treviglio l’avvocato Ferriero. Beccato mentre portava droga a dei detenuti

Il penalista aveva anche un passato politico nel Comune di residenza. Le telecamere lo hanno ripreso mentre consegnava mezzo grammo di cocaina a un carcerato

Arrestato a Treviglio l’avvocato Ferriero. Beccato mentre portava droga a dei detenuti
Cronaca 24 Febbraio 2021 ore 16:10

Ieri, martedì 23 febbraio, è stato arrestato il noto avvocato penalista di Treviglio Gianni Ferriero, 46 anni, con l’accusa di aver consegnato mezzo grammo di cocaina a un detenuto in carcere, passandogliela mentre faceva finta di stringergli la mano. Ferriero è stato poi portato nel carcere di via Gleno in città, a Bergamo. Lo raccontano i colleghi di PrimaTreviglio.

L’avvocato sarebbe stato ripreso dalle telecamere nascoste che erano state piazzate, nell’ambito di un’inchiesta più ampia della Procura di Bergamo e della Guardia di Finanza di Brescia, per una indagine sull’introduzione di stupefacenti e telefoni cellulari nella struttura, motivo per il quale i detenuti e i visitatori erano tenuti sotto controllo.

La notizia ha sconvolto molti nel Comune di Treviglio, dove Ferriero era molto conosciuto e si era presentato nel 2016 come candidato sindaco, per poi ritirarsi restando comunque all’interno della lista di Forza Italia.

L’avvocato era stato già al centro delle cronache nel 2018, quando qualcuno, probabilmente dalla California, mediante un finto profilo Facebook aveva tentato di ricattarlo con un falso filmato pedopornografico in cui veniva fatto falsamente comparire. Per non diffonderlo, il criminale aveva chiesto all’avvocato 3.200 euro, ma lui aveva subito denunciato tutto alla Postale, che aveva confermato la falsificazione delle immagini e aveva cancellato il finto profilo.

La Fns Cisl di Bergamo, nel frattempo, esprime soddisfazione per l’operazione antidroga della Polizia Penitenziaria: «Esprimiamo il nostro apprezzamento per quanto è stato realizzato da parte della Polizia Penitenziaria di Bergamo – commenta Francesco Trovè, segretario generale del sindacato della polizia penitenziaria della Cisl di Bergamo -, manifestando un generale plauso per l’ottima riuscita dell’operazione di polizia, un lavoro lungo e intenso che ha portato i suoi frutti».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli