L'operazione

80 chili di cocaina nel doppiofondo del bagagliaio, arrestato narcotrafficante albanese a Brignano

Fermato dalla Guardia di Finanza in auto, è apparso nervoso: un (buon) motivo c'era. Nella sua abitazione anche 35mila euro

80 chili di cocaina nel doppiofondo del bagagliaio, arrestato narcotrafficante albanese a Brignano
Pubblicato:
Aggiornato:

Colpo grosso al narcotraffico: a Brignano Gera d'Adda sono stati trovati oltre ottanta chili di cocaina purissima, con la Bassa che si conferma crocevia del narcotraffico italiano.

L’operazione, come riportato da PrimaTreviglio, è della Guardia di finanza di Torino, che nella mattinata di martedì 9 luglio ha fermato in paese un’auto, coinvolta in una lunga indagine sullo spaccio di cocaina nelle regioni del Nord Italia, in particolare Lombardia e Piemonte.

Cocaina in auto e a casa

A bordo c’era un soggetto albanese, che dopo essere stato fermato dai militari si è mostrato particolarmente agitato, comportandosi in modo sospetto. Era evidente che nascondeva qualcosa, tanto più che aveva con sé anche un po’ di cocaina. I militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria hanno quindi deciso di perquisire anche il suo appartamento e le relative pertinenze, facendo centro.

Hanno infatti sequestrato 74 panetti di cocaina, dal peso complessivo di oltre ottanta chili. Tutti i panetti erano occultati all’interno di due vetture dell’albanese, in appositi doppifondi. Le auto erano parcheggiate all’interno di box nello stesso stabile, mentre in casa l’uomo aveva anche 35mila euro.

Arrestato il narcotrafficante

Secondo le indagini della Guardia di finanza, l’enorme quantità di cocaina pura trovata a Brignano avrebbe generato sul mercato ricavi per almeno otto milioni di euro. L’uomo è stato quindi arrestato, con l’accusa di traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti, aggravato dalla quantità ingente.

Commenti
Andrea72

Qualcuno spieghi al Gianluigi qui sotto che se il traffico di stupefacenti è così florido vuol dire che c'è una domanda molto sostenuta. Ma tante persone sembra che vivano con le fette di salame sugli occhi....

gianluigi

Io penso, che questi assassini, si assassini, perché per il loro operato, molte persone, MUOIONO, andrebbero buttate nel più profondo delle galere, e buttare via le chiavi. Ovviamente, questo NON accadrà mai. In questo paese poi!!!!!!!!! Al massimo, si prenderà qualche mese di arresti domiciliari, o in libertà, con obbligo di firma. ps. Tutta la marmaglia, che ha invaso, e che continua ad invadere la nostra terra, pensando di fare quello che vogliono, andrebbero, rimandati nei loro rispettivi paesi. Basta buonismo, aiutarli, e quant'altro. Bastaaaaaaaaa. Via tutti. Chiamatemi pure razzista, ma NON SE NE PUO' PIU'

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali