Nel Milanese

Arresto cardiaco in bici: passante rianima ciclista parlando al telefono col 118

Le condizioni del 75enne rimangono gravi. E' stato trasportato in ospedale in codice rosso

Arresto cardiaco in bici: passante rianima ciclista parlando al telefono col 118
25 Maggio 2020 ore 09:00

Paura e sangue freddo ieri mattina, domenica 24 maggio, poco prima delle 9, per il malore che ha colto un 75enne mentre pedalava sulla ciclabile che costeggia il Naviglio, nel territorio di Cassina de’ Pecchi. L’uomo ha poi perso il controllo della sua mountain bike, finendo a terra. La scena è stata notata da tre ciclisti, che si sono fermati prestando immediatamente le prime cure. Uno di loro ha materialmente eseguito il massaggio cardiaco per quindici minuti, rimanendo in diretto contratto con la Centrale operativa del 118, che gli ha fornito le indicazioni utili per la rianimazione in attesa che sul posto arrivassero i soccorritori. A intervenire, oltre a un’ambulanza della Croce Bianca di Cassina, anche l’elisoccorso decollato da Milano e una gazzella dei Carabinieri della Compagnia di Cassano. L’area durante i soccorsi è stata transennata dai militari. Ne parla PrimaLaMartesana.

Tanto sangue freddo. Responsabile della squadra di primo soccorso della sua azienda, utilissima è stata per il ciclista soccorritore la formazione avuta in ditta per quanto riguarda le manovre di rianimazione cardiopolmonare. Ha poi collaborato anche con il 118 quando i sanitari gli hanno dato il cambio per il massaggio cardiaco, tenendo per minuti risultati infiniti la flebo. Poi il 75enne è stato caricato sull’ambulanza, venendo trasportato in codice rosso in ospedale. Le sue condizioni risultano ancora molto critiche. Ma il pronto intervento di un “angelo in bici” potrebbe essersi dimostrato provvidenziale.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia