La risposta alla notizia

Ats Bergamo smentisce: nessun sospetto di polmoniti da coronavirus prima di marzo

L’azienda sanitaria porterà avanti ulteriori approfondimenti su prescrizioni ambulatoriali, accessi specifici in pronto soccorso e utilizzo di farmaci specifici

Ats Bergamo smentisce: nessun sospetto di polmoniti da coronavirus prima di marzo
Bergamo, 01 Luglio 2020 ore 08:30

Ats Bergamo risponde ai dubbi avanzati dalle indiscrezioni – legate all’inchiesta della Procura sulla mancata zona rossa in Val Seriana – emerse martedì 30 giugno sulla presenza di 110 casi di polmoniti sospette tra novembre e gennaio all’ospedale di Alzano.

Nessun sospetto. Lo fa dopo delle analisi preliminari del Servizio Epidemiologico Aziendale di Ats Bergamo sui ricoveri. «Gli esiti del lavoro, in sintesi – si legge in un comunicato dell’azienda -, consentono di affermare con discreta ragionevolezza come non siano riscontrabili evidenze statistiche tali da produrre il sospetto di una presenza precoce di ricoveri per polmoniti da SARS COV-2 nella provincia di Bergamo nei mesi di dicembre 2019 e nel bimestre gennaio e febbraio 2020». Stessa cosa per l’ospedale di Alzano, che «mostra un trend coerente con la valutazione provinciale ora descritta».

Innalzamento fuori scala da marzo. L’innalzamento fuori scala delle polmoniti è invece evidente nei mesi di marzo e aprile 2020 (rispettivamente 3954 e 3154 ricoveri). La media mensile dei ricoveri nei mesi precedenti, a partire dall’1 gennaio del 2017, è pari a 320. Queste valutazioni «saranno seguite da ulteriori approfondimenti su prescrizioni ambulatoriali, accessi specifici in pronto soccorso e utilizzo di farmaci specifici per la gestione delle eventuali complicanze batteriche di polmoniti virali».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia