L'episodio nella notte

Le immagini dell’incendio doloso al Municipio di Brivio. Già identificato il piromane

L'annuncio è stato dato dal sindaco Federico Airoldi. Ad accorgersi dell’accaduto è stato un operaio del Comune, poco prima delle 7

Le immagini dell’incendio doloso al Municipio di Brivio. Già identificato il piromane
09 Giugno 2020 ore 13:09

Choc questa mattina (martedì 9 giugno) a Brivio (comune in provincia di Lecco ma confinante con Cisano Bergamasco), dove il Municipio è stato oggetto di un attentato incendiario che ne ha danneggiato l’ingresso principale. Come riporta PrimaMerate ad accorgersi dell’accaduto è stato un operaio del Comune che, poco prima delle 7, ha visto le porte in legno che affacciano sulla sala consiliare completamente danneggiate dalle fiamme.

9 foto Sfoglia la gallery

Il piromane sarebbe già stato identificato. L’annuncio è stato dato dal sindaco di Brivio, Federico Airoldi. «Il nuovo sistema di videosorveglianza ha fornito un bel primo piano dell’attentatore – ha scritto il primo cittadino sul suo profilo Facebook, annunciando nuovi aggiornamenti in serata – che è stato individuato dal comandante della stazione Carabinieri e dal comandante della Polizia Locale».

La matrice dolosa dell’incendio era stata ipotizzata fin dal primo momento ma ulteriori conferme in tal senso sono arrivate dal ritrovamento di una tanica di benzina, abbandonata poco distante dal Comune. I Carabinieri di Brivio hanno invece escluso la possibilità che possa trattarsi di un atto intimidatorio, concentrando le indagini sull’ipotesi che si tratti dell’azione individuale di un folle. Alcuni residenti avrebbero infatti raccontato di un uomo che si sarebbe aggirato in modo sospetto proprio nelle vicinanze dell’ingresso del municipio.

Sul luogo dell’incidente, in viale Vittorio Emanuele, sono intervenuti tre mezzi dei Vigili del Fuoco, i carabinieri con il comandante Vincenzo Valenza e l’agente del comando di polizia municipale Antonio Sanguedolce.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia