Dagli anni Quaranta al 2015

Bambini profughi di ieri e di oggi Una raccolta di foto silenziose

Bambini profughi di ieri e di oggi Una raccolta di foto silenziose
30 Dicembre 2015 ore 10:38

Ieri come oggi, immagini di bambini in viaggio, messi in moto dalla guerra. Contro la loro volontà e quella dei loro genitori. È cambiato poco, purtroppo, basta rivolgere uno sguardo alle fotografie messe a disposizione da UNICEF, che da settant’anni si occupa di fornire aiuto e conforto ai piccoli sfollati. Una galleria di fotografie “doppie”, con didascalie che illustrano quello che succedeva e che succede. Per riflettere, magari per fare qualcosa.

 

01

© UNICEF/UN04764/Gilbertson VII

Grecia, 1949 ca. I bambini sbirciano fuori da una capanna improvvisata. Nel 2015, in Macedonia, una bambina sta accovacciata sotto una coperta, fuori da una tenda. Ci sono molti bambini in viaggio e tutti hanno bisogno di cure e protezione adeguate.

 

02

© UNICEF/UN04768/Gilbertson VII

Grecia, 1946 ca. Alcune bambine guardano fuori dalla finestra di un edificio scolastico riutilizzato come clinica medica. Nel 2015, nell’ex Repubblica jugoslava di Macedonia, un bambino rifugiato sta fermo dietro al filo spinato con alcuni adulti, a Gevgelija, punto d’ingresso principale del Paese.

 

03

© UNICEF/UN04762/Georgiev

Albania, 1945 ca. Un ragazzo abbraccia un bambino che piange in un campo per sfollati a Kavaja. Nel 2015, in Macedonia, un bambino in lacrime è confortato vicino a Gevgelija. I viaggi lunghi e pericolosi rendono i piccoli vulnerabili.

 

04

© UNICEF/UN04776/Gilbertson VII

Albania, 1945. Una donna con un bambino se ne sta all’ingresso di un campo per sfollati, a Kavaja. Nel 2015, Fatima Marge sorregge suo figlio, Hassan, insieme a suo marito, in una tenda di un campo temporaneo vicino a Idomeni, in Grecia.

 

05

© UNICEF/UN04763/Gilbertson VII

Grecia, 1950 ca. Un bambino indossa calze allacciate con delle stringhe e scarpe che sono troppo grandi. Nel 2015, a Gevgelija, Jamal Majati allaccia le stringhe del figlio, Basher, dopo essersi fermati in uno spazio UNICEF dove si sono cambiati d’abito. Stanno scappando dal conflitto siriano.

 

06

© UNICEF/UN04778/Gilbertson VII

Germania, 1946 ca. Una bambina sfollata avvolta in coperte siede in cima ai suoi bagagli, aspettando di continuare il suo viaggio verso casa. Nel 2015, in Serbia, un bambino rifugiato riposa su una valigia in un centro d’accoglienza a Preševo.

 

07

© UNICEF/UN04771/Georgiev

Grecia, 1955 ca. Un bambino legge un libro. Oggi, in Serbia, alcuni bambini disegnano in un centro UNICEF attrezzato con materiali educativi e giocattoli per bambini.

 

08

© UNICEF/UN04767/Gilbertson VII

Italia, 1945 ca. Due bambini dormono in un letto di legno nel mezzo di una strada. In Croazia, un adulto e un bambino, entrambi rifugiati, dormono in letti di fortuna in un centro di transito.

 

09

© UNICEF/UN04766/Gilbertson VII

Grecia, 1945 ca. Le famiglie vivono in spazi molto piccoli, in quartieri residenziali temporanei. In Germania, oggi, un rifugio al Templehof Airfield, usato nel 1948 dalla Berlin Airlift, ospita duemila rifugiati.

 

10

© UNICEF/UN04765/Gilbertson VII

Italia, 1949 ca. Una bambina sorride mentre le prendono le misure per un nuovo vestito, in un orfanotrofio di Napoli. In Macedonia, rifugiati siriani, afghani e iracheni ricevono abiti invernali distribuiti a Tabanovce.

 

11

© UNICEF/UN04773/Gilbertson VII

Grecia, 1950 ca. Alcune bambine, rifugiate palestinesi, ricevono cibo distribuito dall’UNICEF. In Grecia, nel 2015, un volontario sistema coperte d’emergenza su tre bambini appena arrivati, a cui sono state date delle banane.

 

12

© UNICEF/UN04777/Gilbertson VI

Italia, 1950 ca. Bambini disabili giocano a calcio. In Macedonia, dei ragazzi giocano col pallone in un centro d’accoglienza per rifugiati e emigranti. I bambini hanno bisogno di un accesso a luoghi sicuri, dove possono riposarsi e essere confortati.

 

13

© UNICEF/UN04770/Georgiev

Grecia, 1946 ca. Alcune bambine sfollate gustano una razione di halva, un piatto di farina, olio di oliva o margarina e zucchero. Nel 2015 un bambino mangia uno snack su dei binari vicino a Gevgelija, al confine con la Grecia.

 

14

© UNICEF/UN04774/Gilbertson VI

Grecia, 1946 ca. Dei bambini resi orfani dalla guerra aspettano su un automezzo che li porterà dalle famiglie adottive. Oggi, un bambino cerca di dormire su un treno affollato che da Gevgelija è diretto verso la Serbia.

 

15

© UNICEF/UN04775/Gilbertson VII

Ungheria, 1945 ca. I bambini siedono con i piedi avvolti negli abiti, davanti a un ospedale pediatrico in cui le scorte di abiti e di pannolini sono quasi esaurite. Oggi, alcune donne scaldano i piedi dei bambini vicino a una stufa, in un centro UNICEF in Serbia.

 

16

© UNICEF/UN04772/Georgiev

Jugoslavia, 1945. Un operatore umanitario conduce un’indagine sull’alimentazione di una famiglia, nel villaggio di Lika. Oggi, in Macedonia, un traduttore UNICEF asciuga le lacrime di una bambina.

 

17

© UNICEF/UN04769/Georgiev

Polonia, 1946. Una famiglia di rifugiati riposa sui suoi averi durante il viaggio verso la fattoria che li attende, nella Bassa Slesia. In Macedonia, un bambino avvolto nelle coperte riposa vicino ai binari che si dirigono verso il nord della Serbia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia