Cronache da Montecitorio

Belotti, (dis)avventure da onorevole Io, “arruolato” dai terrapiattisti

Belotti, (dis)avventure da onorevole Io, “arruolato” dai terrapiattisti
Cronaca 29 Aprile 2019 ore 09:10

La fotografia del buco nero nella galassia M87 è stata definita la scoperta astronomica del secolo? Sarà, ma di fronte alla vera rivoluzione planetaria, questo coso tutto buio che sta a 55 milioni di anni luce da noi, non è proprio niente. Di cosa stiamo parlando? Della teoria dei terrapiattisti per cui il nostro globo in realtà è una distesa orizzontale e Galileo Galilei era un ubriacone. Ma cosa c’entra questa scoperta sensazionale con la vita quotidiana del postribolo di Montecitorio? Semplice, perché qualche terrapiattista in vista del loro forum mondiale che si terrà il 12 maggio prossimo a Palermo, ha preso contatti con il palazzo del potere e gli eletti del popolo.

Essendo la congrega dei terrapiattisti una elite di menti scaltre ed eccelse, l’esemplare da accalappiare nella variegata fauna montecitorina è stato selezionato in modo molto accurato. Hanno studiato a lungo le varie specie animali che abitano il postribolo e alla fine hanno trovato il prescelto. Un essere facilmente circuibile, pronto ad aprire la sua mente alle nuove scoperte. Chi è costui? Ma ovviamente il cerbero prealpino, noto per il suo mononeurismo. Uno che ha tutto piatto, in primis l’encefalogramma, in secundis la sua attività fornicatrice. L’ideale, secondo i terrapiattisti, per la sua capacità di assorbire i concetti scientifici che rimbalzano come atomi impazziti nel vuoto pneumatico all’interno della sua corteccia cranica. Con in più, la qualifica di membro della commissione cultura, che tra le sue competenze si occupa anche di scienza e ricerca. Insomma, una sorta di timbro di garanzia sull’intellighenzia parlamentare (o del degrado totale del Paese).

Ecco, quindi, che un emissario di questa aristocrazia scientifica ha avvicinato il prescelto, ovvero il cenomane delle terre gutturali. E via di teorie incredibilmente affascinanti: «La Terra non è rotonda, ma piatta, circondata da una cintura di ghiacci, al centro dell’universo», «l’orizzonte è orizzontale, altrimenti si chiamerebbe curvizzonte. Basta salire su…

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 11 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 2 maggio. In versione digitale, qui.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità