Cronaca
La donna ha confessato

Bimba uccisa con l'acido in un asilo nido a Lione, uno dei genitori è di Torre Boldone

Esasperata dal pianto della bambina l’aveva dapprima cosparsa e poi le aveva fatto bere un prodotto caustico utilizzato per sturare i lavandini

Bimba uccisa con l'acido in un asilo nido a Lione, uno dei genitori è di Torre Boldone
Cronaca Val Seriana, 25 Giugno 2022 ore 15:53

Una tragedia per una famiglia di Torre Boldone che ha scosso tutta la Francia. Secondo quanto riporta il sito di Le Figaro, una dipendente di un asilo nido di Lione è stata arrestata ieri, venerdì 24 giugno, con l’accusa di aver ucciso una bambina di undici mesi, dopo averle fatto ingerire un prodotto caustico, perché non sopportava più i suoi pianti. Questo è quanto ha dichiarato la procura di Lione. Uno dei genitori della bambina è bergamasco, originario di Torre Boldone. La nonna della bimba è partita ieri sera dal paese alle porte di Bergamo per raggiungere la città francese. La piccola, trovata mercoledì mattina in stato di incoscienza dai pompieri in un asilo del terzo arrondissement, è morta all’ospedale di Bron dove era stata trasportata.

La donna, «unica dipendente del nido presente al momento dei fatti», interrogata in carcere dagli inquirenti - che fin da subito avevano dubitato dell’ipotesi di un incidente - ha riconosciuto che «alla fine, esasperata dal pianto della bambina l’aveva dapprima cosparsa e poi le aveva fatto bere un prodotto caustico». Secondo Le Progres il prodotto in questione sarebbe del Destop, un potente disgorgante liquido a base di soda caustica utilizzato per sturare i lavandini.

La dipendente - ha precisato la procura in un comunicato - è stata arrestata con l'accusa di omicidio volontario, fatto che ha richiesto la sua carcerazione preventiva. Le Figaro conclude precisando che le indagini proseguono per «determinare le circostanze esatte» di questo tragico episodio e «approfondire gli elementi relativi alla personalità» della donna arrestata.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter