misure urgenti

Buoni da 25 euro per chi ha più bisogno: a Curno è partita la solidarietà alimentare

Il modulo può essere compilato su carta e poi inviato via mail, direttamente online o tramite telefonata. Entro tre giorni il colloquio e dopo altri due la risposta. «Valutiamo caso per caso, è denaro pubblico da gestire con cura»

Buoni da 25 euro per chi ha più bisogno: a Curno è partita la solidarietà alimentare
Mozzo e Curno, 06 Aprile 2020 ore 16:18

A Curno è partito il contrattacco all’emergenza economica da Coronavirus. In particolare, il Comune ha diffuso le indicazioni in merito all’erogazione dei buoni spesa, così come previsto dall’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile n. 658 del 29 marzo 2020. Si tratta di misure urgenti di solidarietà alimentare, per chi ha più bisogno.

«La scelta dell’Amministrazione Comunale di Curno è stata quella di optare per l’erogazione delle misure urgenti di solidarietà alimentare, attraverso buoni spesa (ogni buono avrà un valore unitario di 25 euro), finalizzati alla riduzione del costo sostenuto dalle famiglie per l’acquisto di genere alimentari, spendibili presso un esercizio commerciale di generi alimentari iscritto nell’apposito albo che sarà pubblicato sul sito istituzionale del Comune a partire dal giorno 6 aprile 2020».

«Abbiamo adottato il modulo di richiesta approvato dall’assemblea dei Presidenti Ambito e Consiglio di rappresentanza dei Sindaci nella seduta del 1° aprile 2020 e dall’Ambito territoriale di Dalmine. Non abbiamo fatto semplificazioni perché pensiamo che sia importante fare un’accurata valutazione della possibilità di accesso alla misura. In aggiunta si tratta di denaro pubblico e quindi un’accurata gestione dei fondi è importante».

«Le informazioni raccolte tramite i moduli, oltre ovviamente a permettere alle assistenti sociali la valutazione dell’applicabilità o meno della misura, ci permetteranno anche di avere dati importanti per la valutazione dell’impatto dell’emergenza sul nostro territorio e di attuare nei prossimi mesi politiche di sostegno accurate. Per facilitare e velocizzare il lavoro delle assistenti sociali abbiamo creato, grazie all’aiuto di due volontari, un semplice strumento operativo e un database che ci permetterà di raccogliere e rielaborare velocemente e in modo accurato tutti i dati (ovviamente nel pieno rispetto della privacy delle persone coinvolte)».

La sindaca Luisa Gamba

A partire da sabato 4 aprile è stato possibile per i nostri cittadini accedere alla richiesta secondo tre modalità: – Modalità 1: stampa, compilazione del modulo pubblicato sul sito del Comune, firma e spedizione all’indirizzo mail info@comune.curno.bg.it. Modalità 2: attraverso la compilazione e invio online o da cellulare del modulo accedendo a un link dedicato. Modalità 3: se impossibilitati a compilare il modulo secondo le modalità 1 o 2, i cittadini possono chiamare uno dei seguenti numeri di telefono 035 603042 o 035 603043 per fissare un appuntamento telefonico e compilare per telefono il modulo con l’assistente sociale.

«Per una questione di sicurezza abbiamo pregato i cittadini di evitare di presentarsi di persona in Comune. Entro tre giorni lavorativi dalla presentazione della richiesta, il richiedente sarà contattato dall’Assistente sociale per un colloquio di approfondimento. Entro cinque giorni lavorativi dalla presentazione della richiesta l’ufficio servizi sociali comunicherà se il richiedente ha diritto al contributo e, se sì, sarà comunicato giorno e ora per il ritiro dei buoni spesa assegnati».

Nella giornata di sabato 4, prima giornata di raccolta delle richieste, sono state ricevute 28 telefonate per la prenotazione di un colloquio o per avere informazioni.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia