Spedizione di tre ragazze e tre ragazzi

Cacciatore aggredito da animalisti 81enne colpito al volto e alle gambe

Cacciatore aggredito da animalisti 81enne colpito al volto e alle gambe
Cronaca 04 Dicembre 2018 ore 05:30

Di solito la caccia finisce nelle pagine di cronaca nera dei quotidiani perché qualche appassionato si prende una pallottola “amica”, perché scambiato per un animale in movimento tra i cespugli da alcuni colleghi. Domenica 25 novembre, invece, un 81enne di Almenno San Salvatore è stato accerchiato da un gruppo di animalisti – tre ragazzi e tre ragazze – nei dintorni del capanno di caccia che gestisce da 20 anni, nelle campagne di Badalasco, frazione di Fara Gera d’Adda.

Chi è la vittima. La “preda” del caso si chiama Lino Pessina, che se l’è cavata con cinque giorni di prognosi dopo il controllo effettuato all’ospedale di Ponte San Pietro: ha riportato ferite leggere al volto e a una gamba. Pessina, nonostante lo spavento, sabato 1 dicembre è tornato regolarmente a cacciare. «Non capisco tanto accanimento, tra l’altro su una persona di una certa età come me – ha commentato a L’Eco di Bergamo –, che paga i diritti per esercitare la caccia e quindi in regola con tutto. Mai mi sarei aspettato una cosa del genere, dopo una vita passata a fare il cacciatore. Pensi che la licenza l’ho fatta nel 1953 quando avevo solo 16 anni e da allora non ho mai vissuto situazioni simili. Ma nella vita c’è sempre una prima volta». Pessina è anche responsabile della gara del canto degli uccelli, che si tiene ogni seconda domenica di agosto ad Almenno San Salvatore. Una manifestazione pure invisa alle associazioni animaliste.

Cosa è successo. L’81enne aveva appena finito di cacciare e verso le 9.45 ha deciso di fare ritorno a casa. È uscito dal capanno con due volatili appena presi e si è trovato di fronte il gruppetto. È stato apostrofato come “assassino”. Una delle tre ragazze lo filmava col cellulare, l’altra lo insultava. Sentendosi minacciato, ha brandito un bastone per spaventarli e uno di loro ha reagito con un colpo al viso e un calcio alla gamba. Poi sono scappati, inseguiti da un gruppo di cacciatori accorsi sul posto, che hanno preso il numero di targa dell’auto degli aggressori, segnalata ai carabinieri.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli