Cronaca
l'infografica interattiva

Cala il contagio in Bergamasca: dal 27 ottobre al 2 novembre sono 179. I dati Comune per Comune

Le positività sono 74 in meno della scorsa settimana. Si sta spegnendo il focolaio scoppiato nella scuola materna di Zanica

Cala il contagio in Bergamasca: dal 27 ottobre al 2 novembre sono 179. I dati Comune per Comune
Cronaca Bergamo, 03 Novembre 2021 ore 18:47

Nonostante in Lombardia si inizino a scorgere i primi segnali di una possibile ripresa della circolazione virale, in provincia di Bergamo i dati diffusi oggi (mercoledì 3 novembre) dall’Ats indicano un miglioramento della curva epidemiologica.

In particolare, dal 27 ottobre al 2 novembre, le positività conteggiate sono state 179, ossia 74 in meno rispetto a quelle contenute nella precedente analisi. «Si denota una tendenziale flessione, sempre in termini moderati, nella crescita della curva epidemica», sottolinea l’Agenzia di tutela della salute.

La media giornaliera dei casi incidenti passa quindi da 36 a 26 nuovi positivi, mentre l’incidenza complessiva settimanale calcolata a livello provinciale scende da 23 a 16 contagi ogni 100 mila bergamaschi. Un valore che resta ben al di sotto della media nazionale, pari a 41 contagi ogni 100 mila abitanti.

Pare anche che si stia ormai spegnendo il focolaio di Covid scoppiato in una scuola materna di Zanica: la scorsa settimana l’incidenza era di 40 contagi ogni 100 mila residenti, negli ultimi sette giorni questo tasso è pari a 9 casi ogni 100 mila abitanti. Cresce ulteriormente il numero dei Comuni in cui non sono stati accertati contagi, che passano da 166 a 168. Ma, ancora, nessun Ambito Territoriale risulta essere Covid free.

La copertura vaccinale

Stando ai dati aggiornati da Regione Lombardia il 92,57 per cento dei bergamaschi (dai 12 anni in su) ha ricevuto almeno la prima dose di vaccino. Secondo il monitoraggio condotto dall’Ats, invece, questa fetta di popolazione sarebbe pari all’88,52 per cento.

I bergamaschi che invece hanno completato il ciclo vaccinale risultano essere l’85,2 per cento. «Il quadro epidemico, in sintesi – conclude l’Ats di Bergamo -, si mantiene su contenuti livelli di criticità, grazie anche ai sempre più elevati livelli di copertura vaccinale a livello provinciale».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter