Luce in fondo al tunnel

Ciclabile della Val Brembana in sella A luglio in bici da Bergamo a Piazza

Ciclabile della Val Brembana in sella A luglio in bici da Bergamo a Piazza
27 Marzo 2019 ore 04:30

Stanno procedendo i lavori per la realizzazione della pista ciclabile della Val Brembana, la connessione tra Almè e Zogno lunga circa 8 chilometri che si snoda lungo l’ex sedime ferroviario con l’obiettivo di riqualificare la zona e di mettere in collegamento le ciclabili esistenti nel Parco dei Colli, la ciclabile che da nord di Zogno arriva fino a Piazza Brembana, quella di Clanezzo e quella in previsione della Val Brembilla. Dopo l’apertura lo scorso ottobre del tratto tra la stazione di Sombreno (Almè) e la stazione di Villa d’Almè, al momento sono in corso i lavori di: formazione del sottopasso in corrispondenza dello svincolo per Bergamo della ex SS 470 a Sedrina, posa della recinzione del lato di valle nel tratto compreso la galleria Mai visto 1 (Botta di Sedrina) e lo svincolo di cui sopra. Questi i tempi delle aperture previste: ad aprile il tratto tra il piazzale delle Grotte delle Meraviglie (Zogno) e via IV novembre (Sedrina); a maggio da via IV novembre (Sedrina) all’abitato di Campana di Villa d’Almè; a giugno dall’abitato di Campana di Villa d’Almè all’abitato di Fonderia di Villa d’Almè; a luglio dall’abitato di Fonderia di Villa d’Almè alla stazione di Villa d’Almè.

4 foto Sfoglia la gallery

Purtroppo i tecnici della Provincia e gli addetti ai lavori stanno constatando la sistematica intrusione nei tratti di ciclabile non ancora aperti da parte di diversi cittadini (da testimonianze pare anche famiglie con bambini piccoli e passeggini) che hanno l’abitudine di spostare le barriere del cantiere per entrare. Nonostante i cartelli e i mezzi adottati per impedire l’accesso, il fenomeno è persistente. I tecnici hanno verificato anche che qualcuno si è introdotto nelle gallerie, il cui accesso è impedito da cubi di cemento, utilizzando assi di legno a mo’ di rampa. In alcuni casi, purtroppo, le intrusioni hanno comportato veri e propri atti vandalici che hanno danneggiato la pista, poiché sono state divelte le recinzioni definitive.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia