Cronaca
Una rassegna di bufale

Cinque notizie che non lo erano Tranquilli, non svendono il Colosseo

Cinque notizie che non lo erano Tranquilli, non svendono il Colosseo
Cronaca 20 Agosto 2015 ore 09:39

1) Auto si sciolgono al sole per il troppo caldo

Le temperature torride di luglio e inizio agosto sembrano aver concesso una breve tregua, giusto il tempo per il rientro di molti vacanzieri. I picchi di calore raggiunti quest'anno sono però stati eccezionali, tanto che per alcuni questa sarebbe stata l'estate più calda degli ultimi decenni. Le difficoltà climatiche devono aver fatto notizia anche all'estero, e qualcuno ha voluto esagerare, pubblicando delle foto incredibili. Il Daily Mail ha infatti diffuso delle fotografie che mostrano un'auto le cui finiture di plastica sono letteralmente sciolte a causa del troppo caldo. La fotografia sarebbe stata scattata a Caorle e il protagonista dello sfortunato imprevisto sarebbe un cittadino americano, John Westbrook, che avrebbe raccontato: «L'auto era parcheggiata vicino alla spiaggia ed è rimasta lì per alcuni giorni, il sole, battendo insistentemente, l'ha fatta fondere».

Molte testate hanno ripreso la notizia, e qualche amico che vive in Gran Bretagna potrebbe aver chiamato casa per sapere se la situazione fosse così drammatica, ma per fortuna la storia è andata diversamente. In un articolo su La Nuova Venezia è stata riportata la cronaca di un incendio a Caorle, nel quale sono state danneggiate anche alcune auto. L'auto fotografata è proprio una di quelle ed è stata quindi vittima sì del calore, ma non del sole, bensì delle fiamme che si sono diffuse da un cassonetto fino alle vetture circostanti.

 

2) Venduti musei e opere italiane agli stranieri

L'ITALIA AGLI STRANIERIIl Ministro della Cultura Franceschini ha nominato il tedesco Eike Schmidt Direttore degli...

Posted by Tiziana Ciprini on Martedì 18 agosto 2015

Il Ministro della Cultura Dario Franceschini ha in questi giorni annunciato i nomi dei nuovi direttori di alcuni tra i più prestigiosi musei italiani. La sorpresa, che ha fatto molto discutere, è che sette su venti siano stranieri, più precisamente 3 tedeschi, 2 austriaci, 1 britannico ed 1 francese. La scelta non è così strana, soprattutto se si pensa che italianissimi sono ad esempio i direttori di grandi musei all'estero, come la National Gallery o il New Museum a New York, ma per qualcuno è un vero e proprio affronto alla nostra cultura.

Qualcuno però è andato oltre alla polemica, accusando il Governo di aver venduto le nostre opere d'arte all'estero, così come purtroppo sta accadendo nel mondo privato, con alcune delle più famose aziende italiane che vengono cedute a investitori stranieri. La deputata Tiziana Ciprini del Movimento 5 Stelle ha pubblicato una fotografia del colosseo con impressa la scritta Venduto, commentando: «Dopo le aziende tocca ai musei finire in mani straniere, agli italiani non rimarrà più niente». Il post ha provocato molta confusione, convincendo diverse persone che ci fosse stata una reale compravendita delle nostre opere d'arte, ma come già spiegato questo rischio non esiste.

Le cariche in questione dureranno soltanto qualche anno, al termine del contratto verranno nominati nuovi direttori, che potranno di nuovo essere italiani o stranieri, con un criterio che si basa principalmente sul merito piuttosto che sulla nazionalità.

 

3) Marte sembrerà grande come la luna il 27 agosto

È circolata negli ultimi giorni sui social network una fotografia che annuncia il verificarsi di un incredibile fenomeno astronomico. Marte, secondo quanto spiegato, dovrebbe passare nel punto di massima vicinanza dalla Terra, raggiungendo dalla nostra prospettiva le stesse dimensioni della Luna. Questo dovrebbe permettere a chiunque di poter vedere il Pianeta Rosso a occhio nudo, uno spettacolo rarissimo di cui saremmo testimoni. La storia però è falsa, e circola sul web da più di 10 anni, tanto che addirittura la NASA nel 2009 intervenne con un comunicato sul suo sito ufficiale, cercando di mettere a tacere questa bufala.

«Per il sesto anno di fila - si legge su una pubblicazione del 9 giugno 2009 -  un messaggio sul Pianeta rosso sta infettando le caselle email di tutto il mondo. Invita ad uscire di notte il 27 agosto ed a guardare il sole. Marte sembrerà grande come la Luna, dice, nessuno vivo oggi lo vedrà ancora. Non credeteci». In seguito viene spiegato che la bufala di Marte nacque nel 2003, quando la Terra e Marte ebbero davvero un incontro ravvicinato. Il 27 agosto di quell'anno Marte era a soli 56 milioni di chilometri di distanza, un record mai raggiunto per 60 mila anni. Chi è stato bravo e fortunato a godersi lo spettacolo, potrà vantarsene a lungo: i due pianeti infatti non saranno mai più così vicini fino al 2287, anche se già nel 2050 si riproporranno distanze molto vicine a quelle del 2003. Rimane comunque certo che pur nella sua minima distanza dalla Terra, Marte non apparirà mai con le stesse dimensioni della Luna, ma rimarrà sempre un puntino minuscolo nel cielo, osservabile solo con gli strumenti idonei.

 

4) Bimbo di 9 mesi tatuato dalla mamma

Il tutto è nato da sto personaggio che ha spacciato la notizia per vera. Dopo essere andati noi Admin a fare alcune...

Posted by Ragazzi di tutte le età on Mercoledì 5 agosto 2015

Gli appassionati di tatuaggi sono sempre di più e sulle nostre spiagge è ormai forse finita in minoranza quella parte della popolazione che ancora non ne sfoggia almeno uno. Il gusto personale però avrebbe ecceduto i limiti del buon senso, almeno secondo quanto scritto da diversi siti italiani e stranieri, che hanno raccontato di un bambino di appena 9 mesi, tatuato dalla propria madre. Le versioni riportate sono discordanti, c'è chi ha riferito la testimonianza diretta della madre, una 34enne di nome Elisabetta, che avrebbe pubblicato su Facebook la foto del bambino, orgogliosa della propria scelta.

In passato però la storia era stata ambientata negli Stati Uniti, dove una babysitter, preoccupata dai continui pianti di un bambino, avrebbe scoperto e denunciato la madre, una spogliarellista, che aveva permesso al proprio fidanzato di tatuare il figlio di pochi mesi. Lo stesso gruppo su Facebook dove per la prima volta è apparsa la storia di Elisabetta ha provveduto a rassicurare gli utenti. L'immagine è stata probabilmente creata con Photoshop e la testimonianza è del tutto inventata con il preciso intento di destare scalpore. La vecchia versione invece era già stata smontata da Snopes.com: le fotografie utilizzate all'epoca erano quelle di un bambolotto dipinto da un artista newyorkese di nome Jason Clay Lewis.

 

5)  I Marò trasferiti in una prigione di massima sicurezza

Impel_Down_ingresso

La vicenda dei Marò è ormai fonte di dibattito da diversi mesi, soprattutto perché pare ancora del tutto da chiarire la dinamica che ha portato all'omicidio dei pescatori indiani ed all'arresto dei militari. È iniziato da pochi giorni il processo presso il tribunale internazionale del mare, ad Amburgo, ma intanto rimane nelle carceri indiane Salvatore Girone, mentre il suo collega Massimiliano Latorre è ancora in Italia per motivi di salute. Sui social network però ha iniziato a circolare una notizia, lanciata da alcuni blog, che potrebbe ulteriormente inasprire i rapporti tra Italia e India e preoccupare i parenti dei due fucilieri di marina. «A quanto pare - si legge sui blog - per i due marò le cose si sono messe malissimo. Oggi i due italiani sono stati trasferiti dal loro carcere abituale alla prigione di massima sicurezza di Impel Down, la temutissima prigione sottomarina posta a largo della costa indiana e dalla quale è impossibile evadere».

Era facile intuire che qualcosa non andasse perché soltanto uno dei due marò è attualmente in India in prigione, ma anche l'idea di una prigione sottomarina dal sistema di sicurezza infallibile non è troppo credibile. Impel Down esiste soltanto nella famosa serie di cartoni animati One Piece ed il sito che ha diffuso questa burla non è nient'altro che uno dei tanti siti satirici che si divertono a ironizzare sui temi di attualità.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter