Una rassegna di bufale

Cinque notizie che non lo erano Una sull'aggressione al controllore

Cinque notizie che non lo erano Una sull'aggressione al controllore
Cronaca 19 Giugno 2015 ore 06:00

 

1) Chiamparino sul capotreno di Milano:
«Vessatorio pretendere biglietto da chi non può permetterselo»

machete-kCvD-U1050693961636E7H-700x394@LaStampa.it

La vicenda del capotreno aggredito a colpi di machete mentre chiedeva il biglietto ad un gruppo di sudamericani ha fatto molto discutere, scaldando gli animi su un tema molto delicato come quello dell'immigrazione. Le dichiarazioni delle varie parti politiche sono state ovviamente di unanime condanna, mentre il personale ferroviario ha deciso di scioperare per protestare contro l'ennesimo episodio intollerabile. Il dibattito si è fatto molto acceso anche sui social network, dove gli articoli sulla vicenda sono stati condivisi da moltissime persone indignate.

Una delle notizie più condivise riguarda però le presunte dichiarazioni di Chiamparino, che criticando il capotreno avrebbe detto: «È vessatorio pretendere il biglietto da chi non può permetterselo».  L'articolo in questione sembra provenire dall'Ansa, ma in realtà è stata apportata una modifica al titolo al momento della condivisione sul social network. Il vero titolo recitava: Chiamparino, aggressori non profughi. L'intervento del Governatore del Piemonte intendeva separare l'episodio dall'emergenza profughi: «Gli aggressori del capotreno non hanno a che vedere con i profughi: il primo compito è distinguere».

 

2) Compra 10mila maglie celebrative del Triplete della Juve (mai arrivato)

181608130-2d8f6c73-9bf4-4b1d-bad3-443eec0613e1

La finale del 6 giugno a Berlino ha decretato la sconfitta della Juventus, incoronando il Barcellona vincitore della Champions League, con annessa delusione dei milioni di tifosi bianconeri che sognano, da vent’anni, il trionfo. Lo sconforto dei supporter però sarebbe stato superato da quello di un commerciante romano, che, convinto della vittoria della Juventus, avrebbe pensato di azzardare un acquisto un po’ troppo ottimista. L'uomo avrebbe infatti comprato 10mila magliette celebrative del Triplete Juventino, su cui sarebbero riportate le date delle due vittorie, più quella mancata: 2 Maggio la vittoria dello scudetto, 20 Maggio la vittoria della Coppa Italia e 6 Giugno la sconfitta di Berlino in Champions League. Le t-shirt sarebbero state poi messe in vendita su Ebay ad appena un euro l'una, nel tentativo di recuperare almeno parte dell'investimento, ma l'incauto acquisto avrebbe messo in ginocchio l'attività del negoziante romano.

La notizia è stata rilanciata da diversi siti d'informazione, ma proviene dal sito satirico Corriere Serale che nelle sue disclamer chiarisce: «L'intero contenuto del blog è frutto della fantasia dell'autore e gli appartiene. Tutto ciò che è inerente a persone o fatti o luoghi reali è assolutamente frutto della fantasia dell'autore, il cui unico scopo è l'amore per la scrittura».

 

3) Squalo martello spiaggiato nella laguna di Udine

Requin marteau à Sainte Anne.

Posted by Wistan Hector on Martedì 12 maggio 2015

Il 2 giugno il Gazzettino di Udine ha pubblicato un articolo in cui venivano mostrate le foto di quello che sembra uno squalo, forse rimasto spiaggiato a causa della marea, spiegando che si tratterebbe di uno squalo martello. Il pesce sarebbe stato ritrovato e poi salvato da alcuni pescatori di Marano Lagunare (Udine), i quali avrebbero scattato anche le foto mostrate, uniche reali prove dell'accaduto. Nell'articolo si spiega che l'esemplare, lungo circa tre metri, arriverebbe dalle acque tropicali. «Lo squalo - si legge - è entrato in laguna superando il cordone litoraneo più a nord dell'Adriatico e ha raggiunto l'isoletta di Sant'Andrea. Qui è rimasto in trappola, a causa del cambio di marea che, nella laguna di Grado e Marano, in poche ore modifica il livello delle acque anche di un metro e mezzo».

Le fotografie però non provengono dalla laguna di Udine, ma dalla lontana Guadalupe, isola delle Antille, dove non è raro imbattersi in questi animali. Gli scatti sembra siano stati pubblicati per la prima volta il 13 maggio da un ragazzo francese, sul suo profilo Facebook.

 

4) Chip sottocutaneo obbligatorio per tutti i cittadini italiani

chip-sottocutaneo-519x330

L'ipotesi dell'installazione di un chip sottocutaneo a tutti i cittadini italiani potrebbe far sorridere molti, ma se perfino un Deputato del Movimento 5 Stelle ha chiesto un paio anni fa chiarimenti in un suo intervento alla Camera, forse qualcuno è veramente preoccupato. L'ultima "notizia" che sta circolando in merito assicura l'arrivo del chip in Italia entro due anni. E a dichiararlo sarebbe stato addirittura il premier Renzi: «Entro due anni tutti avranno il microchip sottocutaneo - si legge - queste sono le parole, non di un folle, ma di Matteo Renzi, pronunciate proprio ieri dopo l'approvazione del disegno di legge su base americana per l'impianto del microchip sottocutaneo a tutti gli italiani». Gli utilizzi di questo chip sarebbero molteplici, dalla localizzazione Gps all'utilizzo in campo sanitario, fino a fungere addirittura da allarme attivabile in caso di emergenza.

L'articolo è stato diffuso ovviamente da un sito satirico, che ha ripreso una vecchia bufala proveniente negli Stati Uniti e l'ha ambientata in Italia, citando il Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Almeno per adesso il dilemma etico sull'utilizzo di questo dispositivo è rimandato.

 

5) Un asteroide distruggerà la terra il 23 settembre 2015

© Copyright 2012 CorbisCorporation

L'ipotesi che la terra venga colpita da un asteroide non è così originale, negli ultimi anni infatti abbiamo letto diversi casi in cui il nostro pianeta sarebbe stato a rischio di collisione con corpi celesti che vagano nel Sistema Solare. Solitamente, però, questi annunci erano basati su un rischio calcolato, su asteroidi ben individuati, e spesso nominati, come nel caso di Apophis, ma stavolta il fondamento "scientifico" è quantomeno debole. Un gruppo di studiosi della Bibbia e appassionati di complotti hanno interpretato una dichiarazione del Ministro degli Esteri francese Laurent Fabios, che il 13 maggio 2014 aveva dichiarato: «Abbiamo 500 giorni per evitare il caos climatico». La dichiarazione sarebbe stata ripetuta anche in successive conferenze, convincendo queste persone dell'importanza di queste parole, che nasconderebbero una sorta di “termine ultimo”. I 500 giorni sarebbero quindi un conto alla rovescia, al termine del quale la terra scomparirebbe, colpita da un asteroide che la farebbe collassare, estinguendo di conseguenza tutte le specie viventi.

La NASA ha escluso la possibilità che esista davvero un asteroide in rotta di collisione con la Terra, Il Messaggero ha anche intervistato in merito Giovanni Valsecchi, esperto di meteoriti dell'Istituto di Aerofisica e Planetologia Spaziale: «Non c'è una base fattuale né scientifica dietro a notizie come questa - ha spiegato il professore - basate su testi religiosi-esoterici, non ci sono né osservazioni del supposto asteroide né calcoli della sua traiettoria, si tratta di pura fuffa».