Intervista telefonica

Coronavirus “bergamasco” a Diano Marina: parla il titolare dell’hotel in quarantena

«Qui in albergo stanno tutti bene. Io sono tranquillo. Non i fanno paura il virus e la quarantena, ma l'ignoranza della gente che commenta sui social»

Coronavirus “bergamasco” a Diano Marina: parla il titolare dell’hotel in quarantena
05 Marzo 2020 ore 14:34

«Qui in albergo stanno tutti bene, la gente non è agitata. Io sono tranquillo, anche se ciò che mi fa più paura non è il virus e neppure la quarantena, ma l’ignoranza della gente che commenta sui social». A parlare, in un’intervista telefonica, è Marco Gandolfo, titolare assieme alla propria famiglia dell’hotel Paradiso di Diano Marina, in quarantena dalla scorsa notte, dopo che un turista bergamasco, di 81 anni, appartenente a una comitiva di quarantotto turisti di Brembate Sopra, è stato trovato positivo al coronavirus. E con lui la moglie. Ne parla Prima La Riviera.

Le accuse del proprietario contro l’ignoranza social. «Mi rattrista leggere i commenti della gente. Queste persone sono venute da noi, il 22 febbraio scorso, quando ancora la situazione di Bergamo non era così allarmante. La comitiva avrebbe dovuto restare fino a sabato, quando avremo chiuso per un mese, dovendo effettuare dei lavori». Purtroppo, da quanto si apprende, i turisti saranno trasferiti nelle Asl di loro competenza, mentre i proprietari dovranno restare chiusi in albergo per una quindicina di giorni. «È come stare agli arresti domiciliari – afferma Gandolfo -. Noi vorremmo poter trascorrere questo periodo di quarantena a casa, abbiamo degli animali domestici da accudire». I suoi ospiti come hanno preso la notizia? «Sono tutti in camera a guardare la tv o collegati a internet. Io invece sono in contatto con l’amministrazione, per capire il da farsi. Qui comunque siamo tutti sani».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia