palazzo frizzoni

Già pronti due numeri di telefono dedicati per l’erogazione dei buoni spesa

Dopo lo stanziamento dei finanziamenti da parte del Governo, il Comune di Bergamo ha già pronto il piano di valutazione delle domande e distribuzione

Già pronti due numeri di telefono dedicati per l’erogazione dei buoni spesa
Bergamo, 30 Marzo 2020 ore 18:24

Il Comune di Bergamo ha istituito due numeri di telefono dedicati per coloro che necessitano dei buoni spesa previsti dal Dpcm siglato nelle scorse ore, che prevede aiuti per le famiglie in difficoltà in questi giorni di emergenza. La città di Bergamo si è vista riconoscere dal Governo circa 640 mila euro e Palazzo Frizzoni ha definito nella giornata di oggi (lunedì 30 marzo) i criteri e le modalità di erogazione dei sussidi.

A partire dalla mattinata di martedì 31 marzo basterà contattare i numeri 035.399826 e 035.399910, attivi da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e il martedì dalle 14.00 alle 16.30. L’erogazione avverrà a seguito di una breve valutazione da parte dell’ufficio servizi sociali (Servizi Sociali territoriali e PASS) e verrà realizzata attraverso un colloquio telefonico che attesti l’effettiva condizione di vulnerabilità del cittadino che temporaneamente si trova in mancanza o in limitazione di reddito economico che gli permetta di rispondere ai bisogni primari.

Potranno accedere a tale beneficio tutti i cittadini che si trovano in condizioni di fragilità economica, causata dall’emergenza Covid-19. Gli operatori valuteranno la situazione con particolare attenzione (a titolo esemplificativo) alle seguenti categorie:

  • Privi di occupazione non destinatari di altri sostegno economico pubblico;
  • Soggetti con Reddito di Cittadinanza attualmente sospeso, revocato e decaduto;
  • Nuclei familiari numerosi (5+ componenti);
  • Nuclei mono-genitoriali;
  • Anziani soli con pensione minima o in assenza di pensione;
  • Nuclei che a seguito del Covid-19 si trovano con conti corrente congelati e/o nella non disponibilità temporanea dei propri beni e/o non possiedono strumenti di pagamento elettronici;
  • Nuclei con disabili in situazione di fragilità economica.
  • Partite Iva e altre categorie non comprese dai dispositivi attualmente in definizione a livello ministeriale.

Il Comune di Bergamo ha anche individuato l’entità dei buoni che sarà possibile ottenere:

  • Valore del buono per i single: 150 euro
  • Valore del buono per nuclei con due componenti: 250 euro
  • Valore del buono per nuclei con tre o più componenti: 350 euro
  • Presenza di neonati-infanti 0-3: +150 euro
  • Casi particolari (ex: allergie, celiachia ecc.) da valutare incremento buona spesa: +50 euro

«Siamo già pronti ad aiutare concretamente i nostri concittadini con i buoni annunciati solo ieri dall’Esecutivo – commenta il sindaco Giorgio Gori -. Abbiamo lavorato in queste ore con impegno per stabilire criteri certi e venire quindi incontro da subito alle esigenze delle famiglie».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia