La discussione in consiglio

Dalmine, l’area pensiline rinasce «Uffici. Perché non il mercato?»

Dalmine, l’area pensiline rinasce «Uffici. Perché non il mercato?»
29 Dicembre 2017 ore 07:00

L’area delle pensiline di Dalmine sarà riqualificata. Ce n’era bisogno, questo è indubbio, ma ora è necessario decidere cosa farci e come intervenire. La struttura, inaugurata il 18 settembre 1957, ha ospitato per anni i pullman che portavano gli operai a Dalmine da tutta la provincia per andare a lavorare in fabbrica. Con il passare degli anni questa funzione è andata perduta e sotto la tettoia sono stati realizzati parcheggi, fino al 2010 c’era il mercatino dell’antiquariato poi spostato all’area mercato, attualmente ci sono bancarelle di ortofrutta e un camioncino attrezzato per la vendita del pane. Ci sono anche delle postazioni per ricaricare i veicoli elettrici.

Con i progetti di espansione dell’università, questa zona, che porta il nome di piazza Risorgimento, verrà riqualificata. La struttura delle pensiline infatti non verrà abbattuta, ma valorizzata, inglobata in un nuovo progetto che manterrà però visibili le vecchie tettoie. A questo fine l’Amministrazione comunale ha deciso di prendere parte ad un bando promosso da Regione Lombardia, che si chiama “AttrAct”, istituito proprio per consentire la riqualificazione di alcune aree dei comuni lombardi, rendendole attraenti per investitori a livello nazionale e internazionale. La Giunta ha pensato che questa fosse una buona opportunità per dare un nuovo volto a piazza Risorgimento, ha preso parte al parte al bando e si è aggiudicata 100mila euro.

Ma cosa verrà realizzato sotto le pensiline? Ci stanno ragionando insieme l’assessorato al Commercio, quello all’Urbanistica e quello alla Cultura. L’idea principale è quella di vendere l’area e farci costruire un edificio che ospiti attività non meglio precisate: dagli uffici, al terziario, al produttivo o spazio per il settore ricettivo. Ciò che si vuole fare deve essere legato all’espansione dell’università che, si prevede, porterà a Dalmine ancora più movimento, quindi servizi dedicati agli studenti, ai docenti, al personale universitario e, naturalmente, anche ai cittadini. E le parti politiche cosa ne pensano?

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 20 di Bergamopost cartaceo, in edicola fino a giovedì 4 gennaio. In versione digitale, qui.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia