Curiosità

Una Danza Macabra da videogame Compare in The Witcher 3: Wild Hunt

Una Danza Macabra da videogame Compare in The Witcher 3: Wild Hunt
20 Gennaio 2018 ore 07:00

The Witcher 3: Wild Hunt, l’apprezzato videogioco sviluppato da Cd Projekt Red, è protagonista di una curiosa notizia comparsa su Facebook e poi diffusa da Bergamonews. Infatti, stando a quanto riferisce l’utente Juri Andrea Cristini, l’affresco La Danza Macabra dell’oratorio dei Disciplini di Clusone è lo stesso che compare nel videogame. Il dipinto è stato inserito con l’espansione Blood & Wine (che aggiunge una regione collinare di vigneti, ispirata formalmente alla campagna francese): all’inizio Juri ha pensato fosse solo una casualità, una somiglianza ma rigiocandolo in 4K il dettaglio non lascia adito a dubbi: è proprio lui.

 

 

«Cosa c’entra The Witcher 3 con Clusone, ridente cittadina montanara della bergamasca? – ha scritto Juri su Facebook – Beh, lo splendido affresco La Danza Macabra che abbellisce l’oratorio dei Disciplini di Clusone compare in Tw3! Lo notai all’uscita dell’espansione Blood & Wine, ma pensai in una semplice somiglianza… rigiocandolo in 4K il dettaglio appare chiaro: è lei!».

 

 

Cos’è Tw3. È stato acclamato dalla critica internazionale e ha vinto oltre 250 premi, tra cui Gioco dell’Anno e gioco più acclamato del 2015 con più di 800 riconoscimenti. The Witcher 3: Wild Hunt, come i due precedenti capitoli trae ispirazione dalla saga letteraria creata dallo scrittore polacco Andrzej Sapkowski. I giocatori si trovanno davanti a 150 ore di avventure open world, dove saranno chiamati a indossare i panni del cacciatore di mostri Geralt di Rivia mentre si mette alla ricerca di una bambina, fronteggia uno spietato capitano fuorilegge e svela il terrificante segreto della meravigliosa regione di Toussaint in Blood and Wine. Segreto che si avvale anche, appunto de La Danza Macabra.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia