Sport, dieta e sesso sicuro

Il decalogo del benessere maschile

Il decalogo del benessere maschile
07 Settembre 2019 ore 09:03

Ehi, mister. Non guardarti intorno, mi sto rivolgendo proprio a te che sotto l’ombrellone ti stai sollazzando in bei pensieri, quelli che ti fanno sentire virile, conquistadores, sano e forte. Insomma, una roccia. Per mantenere questa forma, però, occorre metterci un po’ di impegno, ed è meglio cominciare subito. L’estate è la stagione più propizia per il relax, il benessere e per fare “sani” progetti: dai ascolto a chi ne sa, fai un investimento di salute per il presente e il futuro e metti in pratica dieci comportamenti pensati appositamente dalla Fondazione Pro, la fondazione italiana dedicata esclusivamente alla salute dell’uomo e presieduta dall’urologo Vincenzo Mirone.

 

 

Il “ritmo” della prevenzione. Non si organizza né si fa in quattro e quattr’otto: richiede programmazione, attenzione, predisposizione, lungimiranza. Con anni di anticipo, quando si è nel pieno vigore fisico. Pensare alla propria salute e alla cura di sé, alla prevenzione, è invece un aspetto piuttosto trascurato dall’uomo, spesso più preso dai propri affari che a fare “buoni” propositi salutistici, verso cui invece occorre educarsi. E l’estate è un periodo ottimale per pianificare le mosse giuste da attuare nei mesi che verranno. Partendo, ad esempio, dalla programmazione di una visita di controllo dall’urologo di fiducia al rientro dalle vacanze, ma anche dando largo spazio a una tavola sana e abbattendo la sedentarietà. Tutte misure preventive che allontanano diversi rischi al maschile, intimi e di salute in generale.

Una marcia in più. Differenziati dalla massa: i tuoi colleghi, il primo giorno di rientro al lavoro, ti racconteranno di relax, fannullaggine, bagordi, frizzi e sollazzi. Tu, invece, stupiscili e “sponsorizza” la tua vacanza all’insegna della salute grazie alla messa in pratica di una hit di sani comportamenti che premiano e proteggono a breve e a lungo termine.

 

 

  1. Niente ansia e stress. Chiudili nel cassetto dell’ufficio, non sono compatibili con la vacanza. Ai problemi ci ripenserai al ritorno alla quotidianità; per ora sono out, perché il motto estivo è dedicarsi solo al riposo fisico e mentale. Una delle pietre miliari per immagazzinare benessere quando occorrerà contrastare l’inevitabile tensione lavorativa.
  2. Purificati. Anche in senso materiale, bevendo molta acqua, almeno due litri al giorno. Sappi che è una forte alleata della tua salute, infatti contribuisce ad alleggerire e diluire l’urina, che significa meno rischi per la formazione di calcoli urinari, dolorosissimi. Ogni momento della giornata è buono per bere, continua a farlo fino a un’ora prima di andare a letto.
  3. Mediterraneo è meglio. È chiaro che non ci riferiamo alla località delle vacanze, bensì al tipo di dieta che privilegia alcuni alimenti più tipici della nostra tavola: frutta e verdura, che riforniscono anch’esse l’organismo di acqua e di sostanze antiossidanti, con attenzione alla stagionalità. Per i maschi, poi, sono buonissimi i pomodori maturi per l’alto contenuto di licopene, un antiossidante che svolge un ruolo preventivo importante, soprattutto pere la prostata, al pari dei flavonoidi del cacao. Nel menù vanno inclusi anche pesce azzurro e salmone, un pieno di omega 3, mentre per proteggere il benessere sessuale si consigliano frutti di mare, sebbene con moderazione e non limitandosi solo alle ostriche, ma anche vongole, cozze e altri molluschi. Infine ci stanno bene pure miele e avena.
  4. Al cuor non si comanda. Se l’estate è la stagione degli amori, secondo i cliché più comuni, abbia cura di fare sesso protetto con l’uso del preservativo, sempre, contro il rischio di gravidanze indesiderate ma facendo attenzione anche alla scelta del partner per evitare eventuali malattie a trasmissione sessuale, più facilmente contraibili nel corso di rapporti occasionali.
  5. Filtra il sole. Adotta sempre le misure di sicurezza: no all’esposizione nelle ore centrali e più calde della giornata, sì a indumenti leggeri di cotone o fibre naturali dalle tinte chiare e un cappello che scherma gli effetti dei raggi solari. Oltre a proteggere la pelle, questa strategia contribuisce anche a regolare in qualche modo la temperatura corporea, infatti l’elevato calore esterno può aumentare il rischio cardiovascolare. Non sia mai che durante le vacanze si incappi in un problema di cuore. Non di questo tipo, almeno.
  6. Sì al movimento, con gradualità. L’ozio totale e i mattoni ai piedi sono banditi anche in vacanza; dunque programma nell’arco della giornata della sessioni oculate di attività fisica di primo mattino, all’alba se sei una allodola e ti piace svegliarti comunque presto, o a tarda sera, con una temperatura più fresca, se sei un gufo e le performance migliori arrivano quando si avvicina il tramonto. Mai quando il sole è allo zenit insomma e il caldo è torrido. Se hai deciso in questa vacanza di rompere il muro della sedentarietà e della pigrizia, comincia a darti allo sport con molta gradualità intensificando poi il ritmo e la lunghezza delle prestazioni in autunno, all’aria aperta o in palestra.
  7. È il momento di dire stop al fumo. L’aria pulita e libera della vacanza dovrebbe influenzare pure la tua volontà, se sei un fumatore, di dire basta alla nicotina, o comunque di ridurre il numero di sigarette fumate quotidianamente. Una decisione più che salutare, perché il fumo è direttamente correlato all’aumento del rischio di sviluppare alcune problematiche anche oncologiche come un tumore alla vescica e ai polmoni. E se questo fatto ti spaventa poco, forse ti scuoterà di più l’idea che il fumo fa male anche al sesso e potrebbe far calare le tue performance sotto le coperte.
  8. La sobrietà fa bene. Limita o rinuncia agli alcolici ma anche alle bevande zuccherate. Infatti, se un bicchiere di vino rosso è alleato della salute del cuore, non è così per la birra e ancora meno per i superalcolici e per le bevande zuccherate. Essendo entrambe ipercaloriche, alla lunga possono impattare in negativo sulla salute al maschile: ad esempio le bevande zuccherate, quando consumate in eccesso, contribuiscono a rallentare la microcircolazione periferica, rendendo più difficile l’erezione, oltre ad alterare l’efficienza degli spermatozoi. Mentre se si va in sovradose con gli alcolici, il rischio può coinvolgere diversi altri organi, tra cui cervello, fegato, stomaco e cuore.
  9. Zero stress… termico. Se sei fra chi resta in città e andrà in vacanza poi, cerca di tutelarti da uno stress termico, ovvero da sbalzi repentini fra i gradi indoor e outdoor, vestendoti ad hoc con abiti di cotone, traspiranti ed evitando di lavorare in zone in cui i raggi solari sono diretti. Durante i break non stare al sole, scegli piuttosto zone d’ombra e fresche, che non vuol dire celle frigorifere con aria condizionata a manetta.
  10. Non è mai tardi per cominciare. Se non ti sei sottoposto a un check-up prima di partire, fallo al tuo rientro. Specie se sei nella fascia degli “over 60”, non sottovalutare alcuni segnali del corpo e/o le disfunzioni sessuali che possono essere un campanello d’allarme per eventuali problemi cardiovascolari, alcune delle quali a elevata mortalità se trascurate e non adeguatamente trattate.
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia