una nuova parola

Dobbiamo stare a distanza “droplet”. Ma cosa vuol dire?

Dobbiamo stare a distanza “droplet”. Ma cosa vuol dire?
03 Marzo 2020 ore 07:48

Se non vuoi beccarti il coronavirus devi stare a distanza “droplet”. Il concetto finisce persino nel decreto ministeriale: dobbiamo stare tutti a distanza “droplet”. Ecco spuntare dal nulla, nella nostra quotidianità, una nuova parola. Nuovo virus, nuova parola. Ma cosa significa droplet? In inglese drop, significa goccia e con la parola droplet si intende la trasmissione tramite gocce d’acqua che veicolano i germi in caso di contatto ravvicinato tra un paziente contagiato e un soggetto sano. In sintesi è il sistema di contagio attraverso gli starnuti, i colpi di tosse o tra due persone che si parlano a distanza ravvicinata. Da qui l’esigenza di imporre una nuova unità di misura: la distanza “droplet” che è di circa un metro. E allora puoi frequentare i musei, entrare in un bar, stare in fila, parlare con le persone stando ad almeno un metro di distanza. Quella di sicurezza. E indossare le mascherine.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia