Al di là del virus

Dove c’è Fabri, c’è casa: quando il cuore vince su tutto

Un ricordo fatto di affetti familiari e umana solidarietà: nei giorni cupi dell'epidemia, restiamo umani

Dove c’è Fabri, c’è casa: quando il cuore vince su tutto
Bergamo, 02 Aprile 2020 ore 09:47

di Giambattista Gherardi

«Restate a casa!». In questi giorni cupi e infiniti ce lo hanno raccomandato in mille modi. Ce lo siamo ripetuti gli uni gli altri, per vincere la paura e sperare in un domani che abbia il sapore di un ritorno al passato. Ci siamo ritrovati fra le mura domestiche, e anziché far correre le gambe abbiamo lasciato che a volare fossero pensieri e ricordi. Le nostre case sono tornate a essere un luogo centrale della vita quotidiana e non un semplice scalo delle frenesie impellenti della vita moderna. Siamo “restati a casa” non soltanto in senso strettamente letterale.

Anche Fabrizio Valentini è rimasto a casa, a Bergamo, in quegli ambienti a lui tanto familiari della Fondazione Carisma, nei quali poteva godere di un calore umano ideale. A dire il vero, era quella una seconda casa, ma aveva il pregio di aver ricreato per lui e per tutti i familiari quel senso domestico e quotidiano che fa tanto bene al cuore. Era un po’ come essere a Canonica, con papà Carlo e mamma Emma, con Angelo e Simona non lontani e Arrigo puntuale in arrivo nel fine settimana. I riti piacevoli del ritrovarsi, il “tutto pesce” o i pranzi d’obbligo alla Boscaiola, in riva al lago. E poi la signora Giovanna, le dottoresse, le infermiere e l’animatrice: il mondo di Fabri, la sua casa.

Fabri se ne è andato nell’ultimo giorno di marzo, addormentandosi sereno fra quelle mura tanto domestiche. Pare di rivederlo vicino a mamma Emma, pronta a controllare barba e camicia. E lui bonario e infinito pronto ad ammiccare a papà Carlo. Un bel ritrovarsi fra nuvole domestiche. Perché dove c’è Fabri, c’è casa.

A ricordo di Fabrizio Valentini, 68 anni, morto il 31 marzo alla Fondazione Carisma di Bergamo.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia