3-2 vs Rinascita Lagonegro

Esordio vincente per l'Olimpia che può splendere più di così

Esordio vincente per l'Olimpia che può splendere più di così
Cronaca 25 Settembre 2017 ore 10:35

L'eccezionale campionato scorso, conclusosi con la sconfitta in semifinale playoff, ha contribuito a creare molte attese attorno alla Caloni Agnelli Bergamo che domenica 24 ha inaugurato la nuova stagione vincendo con 3-2 in casa contro la Rinascita Lagonegro. Ma probabilmente non è stato l'avvio che coach Graziosi si sarebbe aspettato dai suoi ragazzi. Dopo aver ben approcciato l'incontro, aggiudicandosi in maniera netta la prima frazione di gioco, l'Olimpia si è sciolta come neve al sole concedendo punti e campo agli avversari e dimostrandosi incapace di reagire alle situazioni di passivo del secondo e terzo set, con il risultato che il team bergamasco parte sì con una vittoria, ma lascia per strada un punto che, esprimendo una migliore pallavolo, sarebbe stato ampiamente alla portata.

8 foto Sfoglia la gallery

Le prime fasi di gara rossoblù sono praticamente perfette. I bergamaschi - schierati con la diagonale Jovanovic-Hoogendoorn, Pierotti e Dolfo schiacciatori-ricevitori, Cioffi e Valsecchi al centro e Innocenti e Franzoni ad alternarsi nelle vesti di libero - si esibiscono immediatamente nel proprio repertorio: Hoogendoorn, promosso a capitano dopo l'addio di Luppi, fa male da ogni angolo del campo, il neoarrivato Dolfo dimostra di aver già acquisito un buon feeling con il palleggiatore serbo, l'inedita coppia centrale Cioffi-Valsecchi offre le dovute garanzie (100 per cento in attacco con 5 punti su 5) e Innocenti, nel nuovo ruolo di libero, mostra di essersi calato nella nuova realtà senza troppi timori. Ne nasce un parziale che i rossoblù dominano dall'inizio alla fine, incrementando progressivamente il margine di vantaggio sui rivali di giornata fermatisi solamente a 16.

4 foto Sfoglia la gallery

La supremazia dell'Olimpia sembra marcata a tal punto da illudere il pubblico del PalaNorda facendogli credere a un rapido epilogo, invece la Caloni crolla in ricezione, fatica in prima linea e Lagonegro - disposta con Kindgard in palleggio, Milushev opposto, Fabi e Giosa centrali, Maiorana e Boscaini laterali e Fortunato libero - trascinata dall'incontenibile attaccante polacco Milushev annichilisce i rossoblù (17-25 e 20-25). Graziosi ricarica i suoi che dalla quarta frazione in poi riprendono a macinare gioco e punti, riacquisendo anche un'autostima venuta a mancare nei set precedenti. Parallelamente alla crescita psicologica, risale anche la qualità della pallavolo bergamasca con Dolfo e i centrali che, in fase offensiva, tornano ad affiancarsi ad Hoogendoorn: da qui scaturisce la rimonta che porta la Caloni a conquistare i primi due punti stagionali.

 

 

Caloni Agnelli Bergamo-Rinascita Lagonegro 3-2
(25-16; 17-25; 20-25; 25-17; 15-9)
Caloni Agnelli Bergamo: Jovanovic 5, Hoogendoorn 27, Cioffi 5, Valsecchi 7, Pierotti 10, Dolfo 18, Innocenti (L), Franzoni (L), Albergati, Longo. Non entrati: Carminati, Cargioli, Maffeis. Allenatore: Graziosi.
Rinascita Lagonegro: Kindgard 3, Milushev 24, Fabi 9, Giosa 5, Maiorana 5, Boscaini 20, Fortunato (L), Amouah, Leone, Copelli. Non entrati: De Paola, Porcelli, Hodges, Ribezzo. Allenatore: Falabella.
Arbitri: Nicola Traversa e Sergio Jacobacci
Durata set: 22'; 23'; 25'; 27'; 16'. Totale 113'
Note: spettatori 800 circa. Muri 9-10; aces 8-5; errori in battuta 22-13