azioni concrete

Esselunga, spesa a casa gratis per gli over 65 e 2,5 milioni donati della ricerca

Esselunga, spesa a casa gratis per gli over 65 e 2,5 milioni donati della ricerca
07 Marzo 2020 ore 11:28

Il Coronavirus sta mettendo sta mettendo a dura prova la quotidianità di ognuno di noi, intimoriti di poter contrarre il virus andando a fare la spesa, recandosi in posta o uscendo per comprare il giornale e bere un caffè. Proprio per cercare di dare un sostegno concreto agli anziani, le persone maggiormente colpite dall’emergenza sanitaria, la catena di supermercati Esselunga da domani (8 marzo) fino a Pasqua (domenica 12 aprile) consegnerà gratis a domicilio la spesa a tutte le persone con più di 65 anni d’età. Il contributo di consegna sarà gratuito sia per l’e-commerce Esselunga sia per le consegne dai negozi all’abitazione, in tutte le zone dove Esselunga è presente con il servizio.

Inoltre, l’azienda ha anche deciso di donare 2,5 milioni euro agli ospedali e istituti impegnati in prima linea nell’assistenza dei pazienti e nella ricerca scientifica, tra cui l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Il finanziamento sarà devoluto inoltre all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, alla Fondazione IRCCS San Matteo di Pavia, all’Ospedale Luigi Sacco di Milano, all’Ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza, alla Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico.

Anche i possessori della Carta Fìdaty (5,5 milioni di persone) possono aiutare queste realtà sanitarie e di ricerca e altre che verranno individuate nelle prossime settimane: ogni 500 punti fedeltà utilizzati, Esselunga donerà 5 euro agli ospedali. Infine, l’azienda della grande distribuzione ha previsto un contributo straordinario di 150 euro a persona per tutti i collaboratori dei negozi, visto il lavoro eccezionale di queste settimane al servizio della clientela, sia nei negozi sia nella preparazione delle spese online.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia