Ultima partita

Finale amaro di stagione: vince il Milan 2-0, l'Atalanta chiude comunque terza

Grande festa fuori dallo stadio nonostante il ko contro i rossoneri, maturato con due rigori di Kessie. Mancato purtroppo il secondo posto e il record di punti

Finale amaro di stagione: vince il Milan 2-0, l'Atalanta chiude comunque terza
Atalanta 23 Maggio 2021 ore 22:54

di Fabio Gennari

Terza qualificazione di fila in Champions, ancora una volta al terzo posto. I nerazzurri perdono 2-0 in casa con il Milan (doppio Kessie su rigore), ma grazie al pareggio del Napoli (che resta fuori dalla Champions e chiude quinto) mantengono il terzo posto in classifica già ottenuto l’anno scorso. Con gli stessi punti (78) e chiudendo davanti alla Juventus grazie al vantaggio nello scontro diretto. Non è riuscito il record di punti alla formazione orobica, che chiude comunque una stagione di altissimo livello nonostante le sconfitte in finale di Coppa Italia e nell’ultima di campionato.

Poche variazioni per Gasperini nelle scelte degli undici iniziali: Djimsiti in difesa e Maehle sulla destra sostituiscono Palomino e Hateboer, mentre per il resto la formazione è la stessa che ha affrontato la Juventus mercoledì in Coppa Italia. Nel Milan non c’è Rebic (nemmeno in panchina), davanti tutto è sulle spalle di Leao, con Diaz a supporto. Serata primaverile a Bergamo, temperatura gradevole e silenzio dello stadio rotto solo dai cori dei sostenitori atalantini assiepati all’esterno del Gewiss Stadium.

8 foto Sfoglia la gallery

Il primo tempo della gara è poverissimo di emozioni. Al 4’ Saelemaekers calcia alto da buona posizione e dopo la risposta di Malinovskyi (13’, stessa sorte) non ci sono grandi cose da segnalare, con il Milan che trotterella e l’Atalanta spesso in possesso del pallone grazie a un Freuler su livelli davvero alti. La fiammata che rompe l’equilibrio arriva al 42’: Hernandez scambia con Calhanoglu e si presenta in area contro Romero, che è in anticipo. Maehle affonda la scivolata ma è in ritardo, il colpo sul 19 del Milan c’è e la decisione di Mariani non è certo scandalosa. Sul dischetto si presenta Kessie, che non sbaglia e manda le squadre al riposo sullo 0-1.

Con Muriel per Pessina, l’Atalanta nella ripresa si presenta con un piglio un po’ diverso e al 57’ Malinovskyi si accende per la prima volta con l’assist in verticale per Zapata, che manca di un soffio il gol del pareggio. Al 62’ Muriel e al 66’ Malinovski fanno solo il solletico a Donnarumma e al 68’ si vede per la prima volta anche il Milan, con Leao che colpisce il palo dopo un bell’assist in profondità di Meite. La squadra di casa ci prova ancora al 72’, con Muriel che sfiora il palo dopo una bella azione personale. Nel finale, dall’esterno dello stadio iniziano a sentirsi cori fortissimi dei tifosi orobici pronti a salutare la squadra, ma in pieno recupero arriva il secondo rigore a favore del Milan (fallo di mano, sfortunato, di Gosens al 93’) e il raddoppio del solito Kessie chiude i conti. Proprio in questa azione, viene anche espulso de Roon per un diverbio con Dalot.

Dopo il fischio finale, clamoroso saluto dei tifosi all’esterno della Curva Pisani con una decina di minuti abbondanti di fuochi d’artificio e una festa che abbraccia la squadra e permette ai bergamaschi di dimenticare quasi istantaneamente una sconfitta amara, ma che non cancella l'ennesima strepitosa stagione dell'Atalanta del Gasp.

Atalanta-Milan 0-2
Reti: 42’ Rig. e 93’ Rig. Kessie (M)

Atalanta (3-4-1-2): Gollini, Toloi (87’ Palomino), Romero, Djimsiti, Maehle (79’ Pasalic), Freuler (87’ Miranchuk), de Roon, Gosens, Pessina (46’ Muriel), Malinovskyi, Zapata. All. Gasperini.

Milan (4-2-3-1): Donnarumma, Calabria, Kjaer, Tomori, Hernandez, Bennacer (61’ Krunic), Kessie, Saelemaekers (79’ Dalot), Diaz (61’ Meite), Calhanoglu, Leao (79’ Mandzukic). All. Pioli.

Arbitro: Marieni di Aprilia (Giallatini e Bindoni; Doveri; Aureliano e Tolfo)

Ammoniti: 43’ Gasperini (A), 48’ Freuler (A), 82’ Mandzukic (M), 86’ Toloi (A), 92’ Krunic (M)

Espulso: 92’ de Roon (A)