Il sistema francese

Che fine ha fatto il terzo figlio (ormai è in via di estinzione)

Che fine ha fatto il terzo figlio (ormai è in via di estinzione)
Cronaca 26 Aprile 2018 ore 10:00

Nei giorni scorsi il principe William d’Inghilterra e sua moglie la duchessa di Cambridge Kate Middleton hanno festeggiato la nascita del terzo figlio. Qualche ora dopo anche Andrea Casiraghi, il figlio di Carolina di Monaco, e la moglie Tatiana Santo Domingo hanno annunciato la nascita di Max Ranieri: terzo figlio pure per loro.

Addio terzo figlio. Sono situazioni che le famiglie italiane hanno di fatto dimenticato: il terzo figlio da noi è una razza in via di estinzione. Lo dicono i numeri, implacabilmente. Su 5,5 milioni di famiglie con minori, solo 850mila sono andate oltre il secondo figlio. In Italia le donne senza figli tra i 18 e i 49 anni sono circa 5 milioni e mezzo, ovvero quasi la metà delle donne di questa fascia d’età, quindi in età fertile. Risultato di questa situazione è la sparizione progressiva del terzo figlio. Non è una peculiarità solo italiana, visto che proprio in Gran Bretagna uno studio della London School of Economics pubblicato su Demography, rivelava che il desiderio di costruire e progettare il futuro si sarebbe appagato nei primi due. Troppi costi? Le famiglie inglesi, aveva scritto il quotidiano Guardian, hanno scelto di fermarsi al figlio unico.

 

Embed from Getty Images

 

Il sistema francese: più figli e meno tasse. Come ben sanno i francesi che su questo obiettivo hanno costruito un’ambiziosa politica di incoraggiamento alla natalità, il terzo figlio ha un valore simbolico molto importante. È lui che porta la barra della sostituzione demografica sopra il tasso del due. Il tasso del due è quello che mette al riparo dal declino demografico, in quanto due genitori generano due figli e quindi il bilancio è in pareggio. Ma poi bisogna mettere nei conti chi i figli non li fa per i più svariati motivi, per questo il terzo è quello che può compensare queste situazioni fisiologiche in ogni società e in ogni epoca. In Francia è stato applicato il Quoziente familiare che rende fiscalmente molto conveniente avere più figli. Le aliquote fiscali si applicano sul reddito familiare dopo che è stato diviso per il numero di “parti” del nucleo: due “parti” i genitori, 0,5 il primo e secondo figlio, uno il terzo, 0,5 i successivi. Più figli, dunque, e meno tasse.

A titolo di esempio: una coppia con due figli e 25mila euro di reddito complessivo non paga alcuna tassa; una coppia con tre figli e 50mila euro di entrate paga al Fisco poco più di 3mila euro l’anno, con 100mila euro di reddito ne pagherebbe solo 10mila. E in Italia? Il Cgia di Mestre aveva calcolato che con il sistema transalpino una famiglia italiana con un reddito di 35mila euro e tre figli pagherebbe 6.277 euro in meno di tasse se monoreddito e 1.866 in meno se bireddito; con 60mila euro di entrate il vantaggio sarebbe di 14.551 o 8.737 euro. La Francia con tutto il suo sforzo è arrivata ad un tasso di natalità per donna dell’1,93 (quindi non ancora sufficiente al ricambio demografico). L’Italia è ferma ad un tristissimo 1,29…

 

Embed from Getty Images

 

Un elemento importante. Il terzo figlio è un bene non solo per una questione demografica. È lui che negli equilibri famigliari può avere una funzione importante. È l’elemento che calma le tensioni inevitabili tra il primo e il secondo, le crisi di gelosia… È un terzo polo salutare, dal punto di vista psicologico. Ed è anche un motivo di saldezza per la vita della coppia, perché il terzo è figlio della consapevolezza. Consapevoli dei problemi da affrontare. E degli errori da non ripetere.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli