I dati di un settore che non conosce crisi

Il fiorente mercato delle armi

Il fiorente mercato delle armi
28 Agosto 2014 ore 16:36

Lo Stochkolm International Peace Research Institute (SIPRI) pubblica annualmente i dati relativi al commercio internazionale di armi e rappresenta da sempre un interessante indagine sulla compravendita di armamenti nel mondo. L’ultima pubblicazione del marzo 2014 prende in analisi il commercio di armi nel quinquennio 2009-13, paragonandolo al quinquennio 2004-08 e suddividendo l’analisi tra paesi esportatori e paesi importatori. Il commercio internazionale di armi nel quinquennio 2009-13 è aumentato del 14% rispetto al periodo 2004-08. I cinque maggiori Paesi esportatori sono stati: Stati Uniti, Russia, Germania, Cina e Francia. Insieme, questi cinque Paesi, rappresentano il 74% del volume mondiale di esportazioni, con USA e Russia che da soli servono il 56% del mercato.

 

1armi

 

Gli Stati Uniti. Gli Usa sono i più grandi venditori di armi del mondo. Negli ultimi anni hanno addirittura accresciuto dell’11% la loro quota di esportazione. I principali destinatari delle armi americane sono i Paesi dell’Asia, che ricevono il 47% delle forniture americane, seguiti dai Paesi del Medio Oriente e da quelli europei. Il principale prodotto di esportazione americano è rappresentato dagli aerei da combattimento, che hanno registrato un incremento del 61%.

Russia e Cina. Il secondo Paese esportatore è la Russia, che nel quinquennio in esame ha accresciuto il proprio mercato del 28%. Le principali esportazioni di questo paese sono dirette verso l’Asia, India e Cina in primis, e l’Africa, con l’Algeria principale acquirente. Negli anni 2009-13 la Russia è stato il principale esportatore di navi, rappresenta da sola il 27% di tutto il mercato. È importante evidenziare la posizione della Cina, quarto esportatore mondiale di armi, che ha avuto una crescita impressionante delle proprie esportazioni, diretta principalmente verso i Paesi sottosviluppati e in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa. Restano forti le posizioni europee con Germania e Francia, rispettivamente al terzo e al quinto posto della classifica, che però, nonostante la posizione, perdono quote importanti di mercato a favore di altri Paesi produttori.

Le importazioni. I cinque maggiori importatori di armi sono stati: India, Cina, Pakistan, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita. Insieme rappresentano il 32% del totale delle importazioni mondiali. La metà delle importazioni sono dirette verso i Paesi dell’Asia e dell’Oceania, seguiti da Medio Oriente ed Europa. Nel quinquennio 2009-13 le importazioni di armi da parte di Paesi africani sono aumentate del 53%: i tre maggiori importatori sono stati Algeria (36% del totale), Marocco (22%) e Sudan (9%). Per quanto riguarda l’Asia, il SIPRI si focalizza soprattutto su India e Pakistan – da decenni impegnati in una guerra per l’irrisolta questione del Kashmir –, che hanno registrato incrementi delle importazioni rispettivamente del 111% e del 119%. Un cenno infine all’Europa che ha fatto registrare una diminuzione del 25% delle importazioni di armi, principalmente dovuto al fatto che la crisi economica ha spinto gli Europei all’acquisto di sistemi d’arma di seconda mano.

E l’Italia? Il Bel Paese si piazza al nono posto nella classifica dei paesi esportatori. Nel 2014 ha superato Francia e Germania nell’export di armi verso Israele: tra i paesi dell’Ue è il primo fornitore di sistemi militari dello Stato israeliano, con un volume di vendite che è oltre il doppio di quello totalizzato da Parigi o Berlino. Oltre il 41% degli armamenti regolarmente esportati dall’Europa verso Israele sono italiani. Nel 2013 è stata anche una delle principali esportatrici di armi verso la Siria.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia