Le note positive e quelle negative

Foppa, primi assaggi di campo Cosa ci ha detto il Trofeo Bellomo

Foppa, primi assaggi di campo Cosa ci ha detto il Trofeo Bellomo
27 Settembre 2016 ore 06:30

Per la Foppapedretti Bergamo si chiude con un terzo posto il weekend dedicato al Trofeo Bellomo, tradizionale torneo precampionato disputatosi a Castellanza e vinto quest’anno dalla Igor Gorgonzola Novara davanti alla Sab Legnano, formazione che parteciperà al prossimo campionato di A2. Alla manifestazione giocatasi in provincia di Varese, la formazione di Stefano Lavarini si è presentata senza Miriam Sylla e Paola Cardullo. La schiacciatrice ha disputato le qualificazioni europee con la Nazionale azzurra, mentre l’esperto libero, presente per onor di firma, sta seguendo il programma di recupero dopo l’intervento alla caviglia subito nei mesi scorsi.

 

14440847_1173757889365750_7362786180641386861_n

 

Oltre alle già citate Sylla e Cardullo, Lavarini non ha potuto contare nemmeno su una Alessia Gennari a pieno servizio. Anche la schiacciatrice parmense sta effettuando un programma di recupero post-operatorio e nel corso della manifestazione è entrata solamente per qualche giro in seconda linea, giusto per iniziare a riprendere confidenza con dei brevi spezzoni di gare ufficiali. Ma i fari sono puntati principalmente sulle nuove arrivate: molta curiosità nel verificare le reali condizioni di Skowronska, lontana dall’Italia da qualche anno, e nel vedere all’opera Suelen. L’opposta polacca ha mostrato il proprio bagaglio di esperienza ma, come il resto della squadra, è apparsa un po’ “imballata” dai carichi di lavoro delle ultime settimane, mentre il libero brasiliano ha confermato le proprie qualità sotto l’aspetto tecnico-tattico.

 

14368816_1172959142778958_1419847516198523744_n

 

Nella semifinale di venerdì, persa 3-0 contro l’Igor Gorgonzola Novara, si è notata in maniera piuttosto evidente la differenza di preparazione effettuata dalle due squadre. La formazione allenata da Fenoglio sembra essere già in ottime condizioni (forse troppo presto?), soprattutto con il trio di martelli composto da Barun, Plak e Pietersen, tutte oltre il 50% di positività in prima linea. Le rossoblù hanno pagato il divario fisico e non sono riuscite a reagire nei primi due set, persi 25-16 e 25-17. Qualcosina in più s’è visto nel terzo set, ma Novara, che durante il primo parziale ha perso Dijkema per infortunio, si è imposta 25-21. Lavarini ha mandato in campo Lo Bianco in palleggio, con Skowronska, Partenio e Venturini, la coppia Guiggi-Popovic al centro e Suelen libero, regalando poi qualche scambio alla giovane schiacciatrice Rossi, classe 1999, e il terzo set a Mori in cabina di regia.

 

 

Tutt’altro match è stata invece la finalina contro l’Unet Yamamay Busto Arsizio, sconfitta a sorpresa in semifinale dalla Sab Legnano. La gara è stata maggiormente combattuta – le due compagini sembrano essere più o meno allo stesso punto della preparazione – e ne è nato un match di cinque set vinto dalle rossoblù. Lavarini ha proposto lo stesso schieramento del giorno precedente, ma con capitan Paggi al posto di Guiggi, apparsa un po’ sottotono. Perso il primo parziale 25-21, la Foppa si è riscattata nel secondo (25-14), ha ceduto il terzo (25-20), poi ha messo il piede sull’acceleratore effettuando il sorpasso vincente con un 25-18 nel quarto e un 15-8 nel tie-break, mostrando di avere nelle proprie corde la fame di vittoria anche negli incontri amichevoli. Rispetto alla semifinale, Skowronska si è fatta apprezzare maggiormente (24 punti e un 43% in attacco), mentre la ricezione (46%-22% il venerdì e 44%-22% il sabato) è ancora da migliorare, così come il servizio: 23 errori, molti dei quali con battute non forzate, sono troppi.

 

Tabellino semifinale

Igor Gorgonzola Novara-Foppapedretti Bergamo 3-0
(25-16, 25-17, 25-21)

Igor Gorgonzola Novara: Alberti 2, Cambi 2, Plak 14, D’Odorico 5, Donà, Pietersen 15, Fahr 6, Sansonna (L), Dijkema, Zannoni (L), Barun 10. N.e.: Piccinini. All.: Fenoglio.

Foppapedretti Bergamo: Mori 1, Suelen (L), Partenio 7, Popovic 9, Gennari, Guiggi 5, Venturini 4, Lo Bianco, Rossi, Skowronska 10. N.e.: Paggi, Cardullo. All.: Lavarini.

Durata set: 24′; 22′; 24′. Totale 70′

Note: muri 10-3, aces 5-1, errori in battuta 11-10

 

Tabellino finale 3°/4° posto (QUI gli highlights)

Unet Yamamay Busto Arsizio-Foppapedretti Bergamo 2-3
(25-21, 14-25, 25-20, 18-25, 8-15)

Unet Yamamay Busto Arsizio: Stufi 9, Signorile, Cialfi, Moneta 5, Berti 2, Negretti (L), Pisani 3, Sartori 4, Vasilantonaki 23, Simpson 4. N.e.: Spirito, Diouf. All.: Mencarelli.

Foppapedretti Bergamo: Mori 3, Suelen (L), Partenio 12, Popovic 8, Gennari, Venturini 10, Paggi 11, Lo Bianco 1, Skowronska 24. N.e.: Guiggi, Rossi, Cardullo. All. Lavarini.

Durata set: 25′; 20′; 25′; 25′; 12′ Totale 107′

Note: muri 8-8, aces 3-9, errori in battuta 12-23

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia