Cronaca
Per far conoscere il giornale

La fumetteria di via Paglia che ha regalato Charlie Hebdo

La fumetteria di via Paglia che ha regalato Charlie Hebdo
Cronaca 12 Gennaio 2015 ore 19:29

Ancora venti copie di Charlie Hebdo, per la maggior parte risalenti al 1974, e la fumetteria Yellow Kid registrerà il tutto esaurito. Più della metà di quelle esposte, sono infatti già state regalate o vendute al prezzo simbolico di 1 euro, dal titolare Giuseppe Narisi, che per solidarietà ha scelto di vestire la vetrina con i numeri colorati di Charlie Hebdo.

Nonostante la fumetteria venda da sempre anche la satira di altri Paesi, come l'italiano L'Arcibraccio o lo spagnolo Hermano Lobo, è un dato di fatto che la satira francese sia la più graffiante e spietata, tanto da vedere classificati, dallo stesso Narisi, Forattini e Giannelli come due matite “all'acqua di rose”. «Le vignette di Charlie Hebdo sono certamente forti perché vogliono colpire nel segno. E se vuoi essere chiaro e lanciare un messaggio potente è giusto essere chiari, purché non si cada nell'offesa», sottolinea Giuseppe. «Non si deve dimenticare infatti che la satira è uno specchio della realtà, è la visione chiara di un fatto quotidiano o di un personaggio ed ha nella sua stessa essenza disegni che devono far sorridere da un lato e portare alla riflessione dall'altro». Non deve dunque semplice punzecchiare, ma strattonare, colpire, fermare il tempo per creare una reazione alla quale è impossibile restare indifferenti. Nel bene o nel male. Poi si può essere d'accordo o meno, ma questa è la satira, ben distante dallo humor. «C'è chi apprezza Charlie Hebdo da sempre – continua il titolare della fumetteria -, personalmente preferisco una satira un po' meno forte».

4 foto Sfoglia la gallery

Il negozio Yellow Kid è un punto di riferimento indiscusso da venticinque anni, da quando cioè nel lontano novembre del 1989, la saracinesca si è alzata in via Giorgio Paglia 34/A per vendere alla città fumetti di ogni genere, colore politico e bandiera.

Ma perché questo nome? «Yellow Kid prende ispirazione da Mikey Dugan, the Yellow Kid appunto, una delle prime strip comiche a fumetti al mondo» ha spiegato Giuseppe. Disegnato negli ultimi anni dell'Ottocento dalla matita di Richard F. Outcault e pubblicato inizialmente sulla rivista Truth, Yellow Kid, il bambino giallo, fu subito un grande successo, tanto che da bianco e nero diventò, nel giro di poco tempo, a colori. Il protagonista, vestito con una goffa camicia da notte gialla, di taglia più grande e lunga fino ai piedi, riportava i dialoghi del personaggio accompagnati da didascalie. Oggi sul camicione di Yellow Kid campeggia una scritta a caratteri cubitali: "Je suis Charlie", che in vetrina attira l'attenzione, e fa riflettere.

16 foto Sfoglia la gallery

Ora si attende l'uscita del nuovo numero di Charlie Hebdo, di cui la presunta copertina è di un'ironia amara. Nessuna immagine, solo parole bianche, su un sfondo nero: “Urgent – recita – recherche 6 dessinateurs”. Chi volesse conoscere i distributori dei Paesi dove sarà in vendita il prossimo numero di Charlie Hebdo, può contattare il distributore MLP al link: http://www.mlp.fr/contacts/index.html
Saranno stampate 1 milione di copie, a differenza delle solite 60.000, e il distributore devolverà i proventi alle famiglie delle vittime della strage di Parigi.