Tim e Vodafone, dal 21 luglio

Gli avvisi di chiamata si pagano (ma basterà disattivarli)

Gli avvisi di chiamata si pagano (ma basterà disattivarli)
08 Luglio 2014 ore 11:30

I servizi Chiamami e Recall di Vodafone e LoSai e ChiamaOra  Tim diventeranno a pagamento dal 21 luglio 2014. Che cosa sono, quanto costeranno. E come disattivarli.

Cosa sono i servizi coinvolti.  I servizi in questione dei due operatori telefonici scattano automaticamente quando un telefono è spento o non raggiungibile e mandano un sms che ci segnala chi ci ha contattato o quando è nuovamente raggiungibile qualcuno che avevamo contattato noi senza successo. Vengono attivati insieme all’acquisto della scheda telefonica e finora erano sempre stati gratuiti.

Tim, cosa cambia. Per tutti i clienti con scheda SIM ricaricabile, i servizi LoSai e ChiamaOra costeranno «1,90 euro ogni quattro mesi, con addebito sul credito residuo a partire dal 21 luglio 2014» (così si legge sul sito dell’azienda). Per i titolari di abbonamento, invece, il servizio costa 48 centesimi al mese, con addebito, ogni due mesi, del costo di 96 centesimi. Chi usa il servizio tutti i giorni, spenderà 5,70 euro in più all’anno.

 

tim

 

Vodafone, cosa cambia. Nessun annuncio ufficiale sul sito della Vodafone, ma basta chiamare il servizio clienti al 190 per avere conferma di quanto i clienti da giorni scrivono nel web: i servizi saranno a pagamento dal 21 luglio 2014. Costeranno 6 centesimi al giorno, senza distinzione tra ricaricabili e abbonamenti, e a utilizzo, non a numero di notifiche ricevute: cioè, nulla cambia se si riceve un messaggio di servizio Recall piuttosto che centinaia. Chi usa il servizio tutti i giorni, spenderà 21,90 euro in più all’anno.

Come disattivare i servizi. I nuovi costi possono essere evitati disattivando i servizi. I gestori stanno informando i loro clienti della variazione, anche se, sottolinea Federconsumatori in un comunicato ufficiale del 7 luglio, «se la stanno prendendo comoda». Nell’sms che i clienti ricevono ci sono anche le indicazioni su come disattivare i servizi ed evitare, così, di pagarli: per Tim ci si può rivolgere al numero 40920, Vodafone ha messo a disposizione il numero 42070. «La disattivazione – assicura Federconsumatori – deve essere effettuata dalla compagnie telefoniche completamente gratis». E mette in guardia: «Se non si fa nulla, scatteranno gli addebiti».

La polemica. Sul web, intanto, è partito il tam-tam per avvisare amici e conoscenti. E, ovviamente, c’è polemica.

8 foto Sfoglia la gallery
Dai una mano a
Sono ormai settimane che i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano senza sosta per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio.
Tutto questo gratuitamente, senza chiedere nulla in cambio.
Viviamo di pubblicità. Una risorsa che è venuta a mancare nelle ultime settimane a causa delle conseguenze dell'emergenza CoronaVirus.
Per questo ci rivolgiamo a te. Ti chiediamo di sostenere il tuo quotidiano online con un contributo volontario.
Ci aiuterà a superare questo momento, continuando a informarti.
Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia