L’annuncio

I dehors piacciono a tutti e resteranno (forse per sempre) ma non gratis

Chi vuole può continuare. Dal primo gennaio però si pagherà l’occupazione del suolo

I dehors piacciono a tutti e resteranno (forse per sempre) ma non gratis
Bergamo, 23 Settembre 2020 ore 03:21

L’accelerazione imposta dalla pandemia in alcuni campi è stato impressionante. Ne ha beneficiato la digitalizzazione della pubblica amministrazione nei rapporti con cittadini, il cosiddetto “lavoro agile”, la possibilità per i locali (e per gli utenti) di avere tanti dehors, duecento per la precisione. Che resteranno anche oltre il primo ottobre, a parte quelli sulle corsie preferenziali degli autobus (come nelle vie Borgo Santa Caterina e Broseta). Parola del sindaco Giorgio Gori: «Da parte nostra c’è la volontà di stabilizzarli», ha detto a L’Eco di Bergamo.

I locali pagheranno. L’occupazione del suolo pubblico dovrà essere però pagata al Comune dal primo gennaio. Ovviamente andrà avanti chi vorrà, non ci sono obblighi ne disinguo. «Insieme al divieto di asporto, i dehors hanno contribuito a garantire condizioni di sicurezza che non erano per niente scontate. Mi pare che siamo riusciti a garantire la voglia di socialità e divertimento evitando situazioni di assembramento», ha aggiunto il sindaco.

Affrontare l’inverno. Certo, quando fa freddo non è la stessa cosa. Bisogna attrezzarsi diversamente. Ma è una cosa che viene fatta anche nel Nord Europa, dove caldo di certo non fa. La soluzione? Strutture protettive laddove è possibile e soprattutto stufe a fungo e lampade riscaldanti per esterni.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia