"Er minestraro" che ama il tridente

Il bell’articolo di Rivista Undici sull’evoluzione calcistica di Reja

Il bell’articolo di Rivista Undici sull’evoluzione calcistica di Reja
18 Dicembre 2015 ore 04:15

Che l’Atalanta 2015-16 sia una vera sorpresa della Serie A se ne sono accorti anche a Rivista Undici, trimestrale di cultura calcistica unico nel suo genere, capace di offrire sempre spunti interessanti e ben curati con cui leggere quanto accade nel mondo del pallone. E, per parlare della Dea di quest’anno, non si può fare a meno di concentrarsi sul suo allenatore, Edy Reja, che domenica sarà contro il Napoli, squadra cui il suo passato è legato a filo doppio. Eppure, il Reja che scaldò il cuore della città partenopea per cinque anni è diverso da quello che oggi sta incantando tanti (pure Berlusconi) con l’Atalanta. E questo articolo, scritto con perizia, numeri e stile, spiega bene perché.

 

(…) Sui social, negli ultimi giorni, è diventata virale una fotografia colta nel tunnel degli spogliatoi prima di Atalanta-Palermo. Ci sono Maxi Moralez e Papu Gómez, e nei commenti si ironizza su come i due argentini siano poco più alti dei bambini che li accompagneranno per l’ingresso in campo. L’immagine, fuori dalle battute, ha anche un significato tecnico: i due calciatori sono gli esterni offensivi dell’Atalanta, e convivono ogni domenica in un tridente che ospita loro due, sempre, e uno tra Pinilla e Denis. Un reparto offensivo di alta qualità, che in qualche modo spiega i 24 punti degli orobici. È l’attacco a disposizione di Reja, considerato un difensivista ma che intanto, però, non rinuncia più alle tre punte.

 

12316651_1044129585625475_16370992228856461_n

 

Reja è un gentiluomo di campo, è l’allenatore più anziano della Serie A: dei 70 anni compiuti a ottobre, 54 li ha trascorsi nel mondo del calcio. La sua storia racconta di tantissima provincia, ma soprattutto di buoni risultati e ricordi lasciati ovunque  (…)

Durante la sua esperienza alla guida della Lazio, Reja viene soprannominato er minestraro . I tifosi lo accusano di essere un allenatore difensivista, conservatore, catenacciaro, ma per Edy le critiche del pubblico biancoceleste erano «in malafede, perché i fischi partivano non appena lo speaker pronunciava il mio nome e la squadra non riceveva la minima gratificazione». Guardare l’Atalanta di oggi vuol dire riconoscere chi effettivamente era in errore, e non solo per la contemporanea presenza di tre attaccanti: i nerazzurri giocano un calcio divertente, propositivo e bello da vedere, in casa come in trasferta. Linea difensiva a quattro sempre alta (baricentro della squadra mai sotto i 45 metri nelle prime quindici giornate di campionato), un centrocampo di piedi buoni (intorno a De Roon giocano a turno Kurtic, Grassi, Carmona, Cigarini), in attacco una delle combinazioni del tridente, con D’Alessandro e Monachello come prime alternative. Niente male davvero per un minestraro.

 

Reja

 

Pura casualità che proprio Roma, su entrambe le sponde del Tevere, abbia dovuto pagare il dazio più alto a Reja e i suoi ragazzi: 0-2 nell’Olimpico giallorosso contro i giallorossi di Garcia, 2-1 a Bergamo contro la Lazio di Pioli. L’esibizione top è però un’altra, anche se il risultato suggerirebbe diversamente. Lo 0-0 di San Siro tra Milan e Atalanta è uno dei risultati più bugiardi di questo inizio di stagione, con la Dea che domina e Donnarumma a fare il fenomeno. Lo stesso Reja, nel dopopartita e anche successivamente, ammetterà che quella è stata una delle migliori prestazioni di De Roon e compagni. Mihajlovic, realisticamente, ha definito quel pareggio come «un punto guadagnato».

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SUL SITO DI RIVISTA UNDICI

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia