la lettera

Il comitato “Noi Denunceremo” scrive all’Oms: «Vogliamo il rapporto che avete tolto dal sito»

Il The Guardian a maggio aveva rivelato che l'Oms aveva reso noto sul proprio sito web un documento indipendente che esaminava quanto avvenuto all’inizio della pandemia in Italia. Tuttavia questo è stato rimosso senza un’apparente motivazione il giorno seguente

Il comitato “Noi Denunceremo” scrive all’Oms: «Vogliamo il rapporto che avete tolto dal sito»
14 Agosto 2020 ore 12:10

Dopo la lettera indirizzata alla presidentessa della Commissione Europea Ursula Von der Leyen e al presidente della Corte Europea dei diritti dell’uomo Ròbert Ragnar Spanò, nella quale si chiedeva di vigilare sulle indagini in corso in Lombardia perché potrebbero esserci «gli estremi per prefigurare il reato di crimini contro l’umanità», il comitato “Noi Denunceremo – Verità e giustizia per le vittime di Covid-19” torna nuovamente a chiedere trasparenza nella pubblicazione dei documenti.

A finire sotto accusa, questa volta, è l’Organizzazione mondiale della sanità che, secondo quanto riporta il quotidiano The Guardian, a maggio aveva reso noto sul proprio sito web un rapporto indipendente che esaminava quanto avvenuto all’inizio della pandemia in Italia. Tuttavia il documento, a distanza di 24 ore, è stato rimosso senza un’apparente motivazione.

Per questa ragione i familiari delle vittime hanno inviato una missima al direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom, nella quale chiedono di poter ricevere una copia di tale rapporto, così da poterla sottoporre ai pm come «integrazione delle indagini in corso sulla presunta negligenza delle autorità politiche nella gestione dell’epidemia di coronavirus». Di seguito il testo integrale della lettera:

Alla cortese attenzione del direttore generale Tedros Adhanom.

Da un articolo investigativo apparso su The Guardian il 13 agosto, si comprende quanto segue:

“Il 13 maggio, l’OMS ha pubblicato un rapporto narrativo indipendente, esaminando cosa è successo all’inizio della pandemia in Italia. L’obiettivo era aiutare altri Paesi a evitare il tipo di disastro che si è verificato in Lombardia. Si chiamava:” Una sfida senza precedenti ; La prima risposta dell’Italia al Covid-19 ”.

Ma il giorno successivo, il rapporto è stato rimosso dal sito web dell’OMS e i riferimenti ad esso sono stati cancellati non è dato sapere da chi o per ordine di chi.

Il rapporto, preparato dal team di emergenza Covid-19 presso l’Ufficio europeo per gli investimenti per la salute e lo sviluppo dell’OMS a Venezia, affermava che il piano pandemico dell’Italia risaliva al 2006, all’indomani della Sars, e in seguito è stato “riconfermato”.

“L’Italia non era del tutto impreparata a un’epidemia quando sono arrivati i primi notiziari dalla Cina”, si legge nel rapporto cancellato. “Nel 2006, dopo la prima epidemia di sindrome respiratoria acuta grave (Sars), il ministero della salute e delle regioni italiano ha approvato un piano nazionale di preparazione e risposta all’influenza pandemica, riconfermato nel 2017, con linee guida per i piani regionali”.

Consideriamo The Guardian una fonte sufficientemente attendibile per richiedere una copia del rapporto sopra citato, che sottoporremo successivamente all’attenzione dei pubblici ministeri come integrazione delle indagini in corso sulla presunta negligenza delle autorità politiche nella gestione dell’epidemia di coronavirus .

Qualora la nostra ragionevole richiesta venisse negata, ci attiveremo per ottenere attraverso fonti istituzionali quanto da noi richiesto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia