Cronaca
Dietro c'è un'iniziativa benefica

Il concerto nella terra di Dracula si può pagare donando sangue

Il concerto nella terra di Dracula si può pagare donando sangue
Cronaca 23 Luglio 2015 ore 10:50

La Transilvania, antica regione della Romania, è nota in tutto il mondo poiché è stata la terra in cui lo scrittore irlandese Bram Stoker, sul finire dell’Ottocento, ambientò la terribile e sanguinaria storia del conte Dracula, il vampiro più famoso di tutti i tempi. Ma, con disillusi occhi tipicamente novecenteschi, abbiamo sempre ritenuto che queste altro non fossero che storie inventate e leggende (anche se il fondamento è senza dubbio storico, vista la comprovata esistenza di un antico conte romeno, Vlad Tepes detto Dracula, che compì inenarrabili efferatezze nei confronti degli abitanti della Transilvania, fra cui bere il loro sangue una volta uccisi), ben convinti che vene ed arterie siano perfettamente al sicuro anche nell’Est Europa. Ebbene, la verità è che bisogna ricredersi! Perché fra il 30 luglio e il 2 agosto, proprio nella terra del leggendario Dracula, avverrà un incredibile spargimento di sangue. Responsabili non ne saranno però i vampiri, e nemmeno tragedie di un qualsivoglia tipo; anzi, il fine di tanto scorrere di globuli rossi sarà assolutamente lodevole.

 

00119193_large

 

L’Untold Festival. A cavallo fra la fine di luglio e l’inizio di agosto, da ormai diversi anni, si tiene in Transilvania, nello specifico dalle parti della cittadina di Cluj, uno dei Festival musicali più importanti del mondo: l’Untold Festival. Si tratta di un evento che attira ogni anno alcuni dei musicisti più celebri e in voga del momento (per questo 2015 parteciperanno, solo per fare alcuni nomi, artisti del calibro di Avicii, David Guetta, Tinie Tempah, John Newman, Fedde La Grand e ATB), oltre che decine di migliaia di appassionati e sfegatati fan che renderanno per 4 giorni e 4 notti la Transilvania il cuore pulsante della musica contemporanea.

Ora, i prezzi per partecipare a questo imperdibile Festival sono parecchio elevati: si va dai 90 euro del biglietto ordinario, ai 110 euro per avere anche uno spazio personale in cui fare campeggio per i 4 giorni di festa, fino addirittura a tagli da 132, 150 e 162 euro per avere alcun comfort e privilegi ulteriori. Si tratta di cifre elevate, considerando anche il viaggio da pagare. Ma per questa edizione 2015, gli organizzatori hanno pensato ad un’interessante iniziativa: la possibilità di entrare gratis qualora si doni un po’ del proprio sangue. Non si tratta, perlomeno non esclusivamente, di una trovata pubblicitaria legata alle ben note leggende che aleggiano sulla Transilvania e al suo abitante storico più famoso, ma a una scelta che vuole andare incontro a un problema molto serio e avvertito in Romania, ovvero la mancanza, all’interno degli ospedali, di sangue utilizzabile per le trasfusioni, dovuto ad una grossa carenza di donatori.

 

UntoldFestivalThumb4

 

Unire l’utile al dilettevole. È proprio muovendo da questa necessità che gli organizzatori dell’Untold Festival, in collaborazione con l’amministrazione di Cluj e con le autorità sanitarie nazionali, hanno avuto questa brillante trovata: perché non approfittare di tutta questa gente che si riunisce in Transilvania e pronta a tutto pur di avere un biglietto senza essere costretta a svenarsi? O meglio, facendoli svenare in un altro e più utile modo. In Romania, infatti, soltanto l’1,7 percento dei cittadini è donatore di sangue, costringendo il Paese dell’Est Europa al penultimo posto nella classifica continentale. Cosa che, al di là dell’imbarazzante posizione in questa particolare graduatoria, crea un reale problema agli ospedali del Paese.

Ecco dunque che tutti coloro che effettueranno una donazione di sangue presso alcuni centri medici di Cluj o della capitale Bucarest avranno diritto ad un ingresso omaggio all’Untold Festival. Non solo, per coloro che almeno si registreranno online al programma di donazione di sangue verrà fatto uno sconto del 30 percento sul biglietto, nella speranza che in futuro da una mera iscrizione possa venir fuori anche qualche prelievo. Un’iniziativa che calza a pennello con la storia e le leggende che circolano sulla Transilvania: «Vista la scarsità di sangue per donazioni nelle strutture ospedaliere, una campagna ispirata ai miti di questa nostra terra ci sembrava un’idea più che apprezzabile. Abbiamo parlato a lungo di come inserire un riferimento a Dracula all’interno dell’Untold Festival e alla fine, vedendo i dati delle donazioni di sangue, non abbiamo avuto dubbi», ha detto il direttore generale del Festival Bogdan Buta. Davvero una bella trovata.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter