Spiragli

Il giallo della zona rossa o arancione per la Lombardia non è ancora risolto

Telefonata Fontana-Speranza in tarda serata: «Obiettivo: uscire dalle misure stringenti». Ma non c’è ancora una data precisa

Il giallo della zona rossa o arancione per la Lombardia non è ancora risolto
Cronaca 27 Novembre 2020 ore 10:00

«Ho avuto, qualche minuto fa, un confronto schietto e diretto con il ministro Speranza. Entrambi condividiamo che, secondo il modello delle “zone” predisposto dal Governo, la Lombardia abbia tutti i requisiti per passare da quella rossa a quella arancione». Così il governatore Attilio Fontana ieri sera, giovedì 26 novembre, dopo un colloquio con il ministro della Salute Roberto Speranza.

La telefonata. I numeri stanno sì migliorando, ma occorre muoversi con cautela in questa fase. E Fontana, dopo le polemiche delle ore precedenti, ha usato toni cauti.

Ci siamo lasciati con l’impegno di riaggiornarci molto presto per verificare quella che realmente può  essere la data giusta per allentare le misure restrittive nella nostra regione. Com’è nel nostro modo ormai consolidato di rapportarci, ci siamo parlati senza tatticismi politici o retropensieri, ma con il solo intento di far prevalere il bene comune per i nostri cittadini. Sia per quanto attiene alla loro salute, sia per ciò che concerne la situazione economica.

Il Movimento 5 stelle attacca. In serata anche il Movimento 5 stelle è intervenuto sulla questione e per bocca del consigliere regionale Massimo De Rosa non ha risparmiato una stoccata al governatore.

Il Governo per fortuna ferma Fontana e la zona rossa prosegue fino al 3 dicembre. Sono settimane che il presidente Fontana dà i numeri e parla di dati secondo i quali in Lombardia si potrebbero allentare le misure di prevenzione alla pandemia. Peccato che questi numeri e questi dati non li abbia mai mostrati a nessuno. Convochi noi consiglieri e illustri i dati, le tabelle di rischio e il loro impatto sui ventuno parametri. Lavoriamo tutti per lasciarci al più presto l’emergenza alle spalle, qui però non si tratta di opinioni o dichiarazioni, qui si tratta di parametri e evidenze scientifiche, sulla base dei quali prendere decisioni con serietà. I dati di cui parla Fontana non li ha visti nessuno. Per questo riteniamo sia un bene che a prendere le decisioni sia il Governo e non chi, dall’inizio dell’emergenza ad oggi ha commesso un errore dietro l’altro e ancora oggi rilascia dichiarazioni ad uso e consumo della polemica politica.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità