La stagione non è ancora finita

Fra gli atalantini in Nazionale ci sono anche Forgács e Kecskés

Fra gli atalantini in Nazionale ci sono anche Forgács e Kecskés
Cronaca 03 Giugno 2015 ore 11:30

Archiviato il campionato 2014/2015 i giocatori dell’Atalanta sono in vacanza. Qualcuno è già partito, altri aspettano la fine delle scuole e poi c’è chi come Cristian Raimondi continuerà a lavorare sodo per completare il recupero dall’infortunio al crociato. Se la stagione dei club è finita, quella di molte Nazionali vive ora il suo momento clou: l’Atalanta, con ben sette giocatori, è protagonista in Coppa America, nel Campionato Europeo Under 21 e pure nel Mondiale Under 20, quello per i giovani talenti.

 

C

 

Carmona e Pinilla con il Cile. Nelle scorse settimane vi abbiamo dato conto della pre-convocazione di Carlos Carmona e Mauricio Pinilla con il Cile. La “Roja” del ct Sampaoli giocherà la Coppa America in casa, e da più parti è ritenuta una delle squadre che possono veramente ambire alla vittoria finale. L’eco dello splendido Mondiale di Brasile 2014 giocato dal Cile è ancora molto forte, proprio Pinilla sfiorò il gol decisivo con la traversa colpita negli ottavi di finale quasi allo scadere dei tempi supplementari (si giocava contro il Brasile) e nel paese sudamericano c’è voglia di grande impresa. Sia Carmona che Pinilla non hanno giocato l’ultima gara contro il Milan a Bergamo, dopo la cena di squadra hanno lasciato lo stadio sorridenti e alcune indiscrezioni parlano di piccoli problemi fisici che sono ampiamente recuperabili. Nessuno dei due è stato titolare fisso nell’ultimo Mondiale ma il tecnico dimostra di avere grande considerazione, la Coppa America (44esima edizione) inizia l’11 giugno e terminerà il 4 luglio prossimo. Se il Cile arrivasse davvero fino in fondo, per Carmona e Pinilla il ritiro di Rovetta potrebbe iniziare in ritardo rispetto ai compagni.

 

SPO,CALCIO Atalanta Stagione 2014-2015

 

Sportiello, Zappacosta e Baselli in under 21. Il ct della Nazionale Under 21 italiana Gigi Di Biagio ha diramato lunedì 1 giugno la lista dei 27 pre-convocati per la 20esima edizione del Campionato Europeo di categoria, che si disputerà in Repubblica Ceca dal 17 al 30 giugno. Gli azzurri si giocheranno il titolo insieme ad altre sette Nazionali qualificate: Repubblica Ceca, Germania, Inghilterra, Portogallo, Serbia, Danimarca e Svezia. Il termine ultimo per consegnare la lista dei 23 giocatori definitivi all’UEFA è domenica, ma i tre atalantini ci saranno al 100 percento. Il portiere Sportiello non ha mai giocato alcuna gara ufficiale con la Under 21 di Di Biagio, la chiamata ha tutti i crismi di un meritato premio per la stagione, ma in Repubblica Ceca i ruoli sembrano definiti con Leali del Cesena (proprietà Juve) e Bardi del Chievo (proprietà Inter) davanti al numero 57 atalantino. Per Zappacosta il campionato Europeo sarà certamente una bella vetrina, dal 2013 l’esterno di Sora gioca praticamente sempre con la maglia azzurra ed è uno dei pilastri della squadra. Per Daniele Baselli la concorrenza non manca: anche lui come Zappacosta ha una militanza in Under 21 abbastanza lunga (primo match non ufficiale il 13 novembre 2012 a Siena contro la Spagna) e nel nuovo 4-3-3 che Di Biagio ha in mente una maglia potrebbe essere sua. Non è arrivata la convocazione per il quarto atalantino nel giro azzurro, Salvatore Molina, dopo la promozione in serie A con il Carpi.

Forgács e Kecskés al Mondiale Under 20. Sono probabilmente i due atalantini meno conosciuti tra quelli protagonisti in nazionale. Eppure stanno disputando in Nuova Zelanda il torneo più importante a livello planetario per giocatori under 20. Dávid Forgács (classe 1995) e Ákos Kecskés (1996) sono stati convocati dall’Ungheria, e attraverso gli Europei Under 20 stanno giocando dall'altra parte del mondo la competizione. La gara d’esordio è stata certamente da ricordare: nel 5-1 rifilato alla Corea del Nord Kecskés ha indossato la fascia di capitano e ha guidato la difesa della nazionale magiara per tutta la partita, mentre Forgács (già convocato da Colantuono per la gara di Coppa Italia contro l’Avellino lo scorso dicembre) ha fatto il suo ingresso in campo all'inizio della ripresa, realizzando pure il gol del momentaneo 4-1.

 

aki-forg-fb

 

Quanto conta il Mondiale U20. In Nuova Zelanda ci sono osservatori di tutto il mondo, il Mondiale U20 è considerata la miglior vetrina di calcio giovanile e basta ricordare che Paul Pogba (stella della Juventus) ha vinto l’ultima edizione con la sua Francia battendo l’Uruguay. I giocatori da tenere d’occhio sono molti, la nazionale ungherese non è probabilmente tra le più quotate ma per l’Atalanta avere due ragazzi della Primavera tra i protagonisti è motivi di grande orgoglio.