odissea

Il vicesindaco di Azzano, Francesco Persico, è a New York con il virus. «Sto bene»

Si trovava in America dal 28 febbraio per lavoro. Poi i primi sintomi e il 10 marzo il ricovero. Il responso del tampone è stato chiaro: Covid-19. «Sono stato ricoverato in terapia intensiva, non ho passato un bel momento». La moglie Laura: «La paura è tanta ma lui è forte»

Il vicesindaco di Azzano, Francesco Persico, è a New York con il virus. «Sto bene»
Stezzano e Azzano, 21 Marzo 2020 ore 11:57

di Laura Ceresoli

«Questa mia trasferta a New York capita in uno dei momenti più difficili e complicati per la mia Bergamo, tra preoccupazioni e giuste restrizioni, posso solo invitare tutti al più ampio senso di responsabilità, per il bene di tutti, ne usciremo insieme, forza ragazzi! Tenete duro come i bergamaschi sanno fare». Scriveva così Francesco Persico su Facebook in un post del 7 marzo. Poi il silenzio.

Dal 28 febbraio scorso il vicesindaco di Azzano, dipendente di un’azienda bergamasca specializzata nella realizzazione di quadri elettrici, si trova in America per lavoro, ma mai avrebbe immaginato che quel viaggio si sarebbe presto trasformato in un’odissea. Dopo una decina di giorni dall’arrivo negli Stati Uniti, ha iniziato ad accusare i primi sintomi influenzali. Il 10 marzo il suo stato di salute è peggiorato, al punto da rendere necessario un ricovero ospedaliero al Mount Sinai West di New York. Il responso del tampone è stato chiaro: Covid-19.

«Sono stato ricoverato in terapia intensiva e non ho passato un bel momento», ha spiegato Persico che ha poi voluto rassicurare tutti suoi amici e familiari: «Sto bene, un grazie di cuore a tutti».

L’articolo completo  e altre notizie su Azzano San Paolo alle pagine 39 e 40 del numero di PrimaBergamo in edicola fino al 26 marzo, oppure sull’edizione digitale QUI.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia