Imbiancare, evitiamo il fai-da-te

Imbiancare, evitiamo il fai-da-te
02 Settembre 2019 ore 09:01

Verniciare, imbiancare, rinfrescare un locale o l’intera casa. Siamo alle ultime settimane utili, visto che in inverno di solito questi lavori si rimandano… alla prossima bella stagione. Per un lavoro a regola d’arte è sempre meglio rivolgersi a dei professionisti: il fai-da-te va anche bene, ma bisogna essere ben esperti come solo un imbianchino a tempo pieno sa fare. Innanzitutto, bisogna scegliere i colori. Quindi preparare i locali. Poi passare la prima “mano” e dopo un giorno la seconda. Infine, riadattare i locali per viverci dentro.

La scelta dei colori. Pareti e soffitto scuri rendono un locale più piccolo di quanto effettivamente sia; al contrario pareti e soffitto chiari hanno l’effetto di allargare, o meglio dilatare, le dimensioni percepite. Soffitto scuro e pareti chiare fanno “scendere” il soffitto del locale più basso di quanto realmente sia. Questo accade perché l’utilizzo di tinte chiare alle pareti fa in modo che esse sembrino respingersi. Questa soluzione rende più intima e accogliente una stanza dal soffitto molto alto. Pareti scure e soffitto chiaro invece danno effetto opposto a quello precedente. Poiché l’edilizia di oggi propone solitamente spazi dalle dimensioni molto contenute, questo abbinamento di colori è quello che va per la maggiore. Le pareti scure, al contrario di quanto accade per quelle chiare, tendono ad attrarsi. Quando si desidera creare un effetto di ampliamento-allungamento di un locale si utilizzano tonalità fredde (blu, viola e verde). All’opposto, le tonalità calde (giallo, rosso, arancio) sono perfette per chi desidera fare in modo che il locale appaia stretto.

Piccoli grandi accorgimenti. Chi si ostina a imbiancare da solo tenga presente che la… “spennellata” col rullo è solo l’ultimo atto di una sequela ben precisa di accorgimenti indispensabili. La maggior parte dei quali molto noiosi da mettere in pratica. Innanzitutto bisogna armarsi di santa pazienza e foderare tutti gli infissi, fin nella minuzia dei particolari. Nastri isolanti e carta assorbente sono l’ideale. Quindi stendere a terra decine e decine di giornali vecchi, o panni da buttare. Poi fare la vernice (seguendo attentamente le dosi). Infine proteggersi di tutto punto e… cominciare. Ovviamente i mobili devono essere rimossi. Insomma, va da sé che risulta molto più conveniente affidarsi a degli imbianchini professionali. Anche perché la pratica della pittura pareti non si improvvisa di certo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia