A notte fonda

Volontaria 41enne di Casirate investita da un pirata della strada ubriaco

L'episodio tra sabato 22 e domenica 23 giugno al termine della notte bianca di Cernusco Lombardone (Lecco). Travolto anche un ciclista

Volontaria 41enne di Casirate investita da un pirata della strada ubriaco
Pubblicato:
Aggiornato:

Ha rischiato grosso, nella notte tra sabato 22 e domenica 23 giugno, una donna di Casirate d'Adda di 41 anni, che presta servizio per l'Associazione Nazionale Carabinieri di Trezzo: insieme ad un ciclista, è stata investita da un pirata della strada attorno a mezzanotte, al termine di una manifestazione podistica a Cernusco Lombardone, sulla strada provinciale 342 dir. A riportarlo è PrimaMerate.

Investiti da un ubriaco alla guida

L'incidente è avvenuto nel corso della Notte Bianca e in tanti si erano anche ritrovati per assistere al passaggio della corsa Monza Resegone. La donna e il ciclista si sono trovati all'improvviso davanti all'auto, guidata da un 42enne ubriaco di Torre De Busi, che li ha travolti entrambi. Poi, invece di fermarsi per prestare soccorso, è fuggito.

Sulle prime si è temuto il peggio, sia per la volontaria che per il ciclista. Per entrambi, la Centrale operativa di Areu ha mandato sul posto due mezzi di soccorso in codice rosso. Fortunatamente, dopo le prime tempestive cure prestate sul posto, il quadro clinico dei due feriti, seppur serio, non è risultato critico come si temeva all'inizio. Una volta stabilizzati, sono stati infatti trasferiti in ospedale in codice giallo: la donna a quello di Varese in elisoccorso.

Fermato il pirata della strada

L'automobilista, rintracciato poco dopo, era un uomo che viaggiava dalla Brianza in direzione Lecco a bordo di un'Audi. La sua fuga è finita presto: è stato fermato a Calco dai carabinieri, che l'hanno sottoposto al test alcolemico, rilevando una quantità di alcol nel sangue diverse volte sopra il limite. La 41enne ferita era in servizio per il Nucleo Martesana dell'Anc da sei anni: a lei la solidarietà dell'intera associazione.

Commenti
Marco

Servono molti più controlli, so che è difficile, ma come questa bestia c'è ne sono tantissimi.

Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali